Home Sport Il Costone Baskin in anteprima alla Finale di Coppa Italia di Serie A a Firenze
0

Il Costone Baskin in anteprima alla Finale di Coppa Italia di Serie A a Firenze

0
0

La formazione senese di scena con Capannori sul parquet del PalaMandela domenica 18 febbraio ore 14.45

La squadra Baskin del Costone giocherà una gara di Campionato in anteprima alla finale di Coppa Italia di Lega Serie A in programma domenica 18 febbraio al PalaMandela di Firenze. La notizia è stata data ufficialmente nel corso della conferenza stampa tenutasi a Firenze all’interno del prestigioso scenario di Palazzo Vecchio, alla presenza dei vertici della Lega Basket serie A, con in testa il presidente Egidio Bianchi. Sono intervenuti nella circostanza anche il Ministro dello Sport Luca Lotti, l’assessore allo sport del Comune di Firenze Andrea Vannucci e Fiona May che sarà la madrina delle Final Eight che si terranno nel capoluogo toscano dal 15 al 18 febbraio.

Un evento assolutamente di grande portata a cui la Società senese ha risposto con entusiasmo, così come gli sponsor Synergie e Vismederi, a cui si è aggiunto di recente un nuovo partner, Estra che ha sposato il progetto del Costone inserendolo nel circuito nazionale di Estra Sport Club. Sarà dunque questa l’occasione propizia per far conoscere anche nel territorio fiorentino una realtà inclusiva come quella del Baskin che in Toscana, specialmente in provincia di Lucca, si è sviluppata intensamente, mentre a livello nazionale è Cremona il capofila dell’intero movimento. La squadra del Baskin Costone scenderà sul parquet fiorentino in anteprima alla finale, vale a dire alle ore 14,45, confrontandosi con la formazione di Capannoni; il Comitato Territoriale Toscano ha infatti accettato la richiesta di spostamento della partita che da calendario doveva disputarsi a Porcari. Per il Costone, che ha intrapreso ormai da 3 anni questo percorso, si tratta della prima esperienza agonistica a livello di Campionato.

“La squadra è pronta per affrontare questa avvincente avventura – dichiara il responsabile tecnico Giuseppe Dragone – l’unico nostro problema è quello di avere pochi elementi come componente femminile; il regolamento infatti prevede che una giocatrice sia sempre in campo durante lo svolgimento della partita. Per questo rivolgiamo un caloroso appello a ragazze in attività o ex giocatrici di basket, affinché si uniscano a noi in quella che potrebbe risultare un’esperienza fantastica; di sicuro non se ne pentiranno”.