Segnalazioni news Radio Siena Tv

Hai una notizia da segnalarci?
Da oggi puoi farlo con la sezione Segnalazioni di Radio Siena TV


Home Sport Scherma – Una stoccata fa sfumare ad Alice Volpi il sogno della seconda Coppa del Mondo
Scherma – Una stoccata fa sfumare ad Alice Volpi il sogno della seconda Coppa del Mondo
0

Scherma – Una stoccata fa sfumare ad Alice Volpi il sogno della seconda Coppa del Mondo

0
0

Alice Volpi argento nell'individuale e anche nel fioretto a squadre

Una sola stoccata ha impedito ad Alice Volpi di centrare la sua seconda vittoria in Coppa del Mondo.

A giocarsi il bersaglio più ambito erano le due fra le protagoniste più attese della stagione. Alice Volpi, dopo l’argento di Lipsia, ha preso consapevolezza dei propri mezzi; dal canto suo Lee Kiefer è reduce da quella che – al netto della mancata medaglia ai Mondiali tedeschi – è stata la sua migliore stagione. L’assalto è spettacolare e frizzante, con pochi fronzoli tattici e giocato da entrambe all’attacco. Ne esce un’emozionante rollercoaster in cui l’americana detta tempi e ritmi, mentre Alice tiene botta e rimane sempre nella scia: la senese è brava a impattare sul 14-14, ma la stoccata decisiva premia la Kiefer, malgrado le proteste di una Volpi tutt’altro che convinta dalla ricostruzione arbitrale.

Ed è argento anche nel fioretto a squadre, con le italiane sconfitte in finale dalla Russia che si impone 45-42. Così si ferma a quota sette la striscia di imbattibilità dell’Italia del fioretto femminile.

Il ct schiera, per la prima stagionale a squadre, il quartetto che lo scorso luglio a Lipsia ha centrato la medaglia d’oro, con Camilla Mancini a coadiuvare Martina Batini, Arianna Errigo e Alice Volpi. Il 45-33 contro il Giappone serve per scaldare i motori; il – successivo 45-25 contro il sorprendente Canada, bravo a impacchettare ai quarti di finale un poco gradito presente alla Francia – è il preludio all’ennesima sfida per il bersaglio grosso contro la rivale di sempre. Ivanova, Martyanova, Tripapina e Zagidullina: sono loro quattro a stendere le azzurre, togliendo la possibilità di provare a eguagliare la perfetta stagione andata in archivio in Germania.