Siena tiene lontano le auto della Coppa della Perugina

Niente mostra in centro per i gioielli della Coppa della Perugina

Arriveranno a Siena con una carovana di cento auto storiche, tra cui una ventina a carrozzeria aperta prodotte prima del 1930. Ma nessuno potrà ammirarle.

Dopo le polemiche degli anni scorsi per il transito delle auto delle Mille Miglia in centro, l’amministrazione sembra aver deciso di tenere ben lontano dalla città il turismo dei raduni.

Quella che arriverà a Siena il prossimo 7 maggio è la carovana della Coppa della Perugina che negli anni Venti è stata una corsa automobilistica di caratura internazionale, inventata e voluta da Giovanni Buitoni, l’allora patron dell’azienda dolciaria “La Perugina”.

Oggi è un evento rievocativo, riservato ad automobili storiche prodotte sino al 1968, che si svolge in Umbria. Possono essere iscritte al massimo 100 automobili storiche di cui 20 con carrozzeria aperta, prodotte fino al 1930. C’è anche una sfida con due classifiche finali: una per le auto anni venti e una per le auto post anni trenta. Agli equipaggi partecipanti viene proposto un mix davvero straordinario che coniuga le bellezze del territorio regionale con le eccellenze artistiche, storiche ed enogastronomiche

Il percorso della Coppa della Perugina è sempre stato nei territori circostanti l’Umbria, ma non era mai arrivato a Siena. Ha deciso di farlo quest’anno e gli organizzatori hanno chiesto per tempo una serie di permessi. Il più ambizioso era quello per sfilare in centro fino a Piazza del Campo, ma sarebbe stata accettata qualsiasi soluzione alternativa che permettesse di mettere in bella vista le pregiate auto. Inoltre le oltre duecento persone tra partecipanti e carovana avevano deciso di fare tappa-pranzo a Siena, con la possibilità, ed il tempo, di fare due passi nel centro storico.

Ma il Comune di Siena non ha concesso nulla di ciò. Alle bellissime auto storiche è stato solo riservato il piano alto del parcheggio Santa Caterina, ben lontano dalla vista di chiunque. I partecipanti alla Coppa della Perugina saranno accompagnati in tre ristoranti del centro e poi riportati alle auto.

Dai commercianti del centro che vivono con il turismo qualche interrogativo: “Si sono fatte sfilare competizioni storiche che da Siena passavano soltanto senza farci tappa. Ci sono state polemiche, è vero, ma siamo passati da un limite all’altro. Invece che in Piazza del Campo potevano essere fatte fermare in Piazza Matteotti, dove sarebbe stato possibile metterle in mostra e quindi funzionare da richiamo. Allo stesso tempo gli equipaggi avrebbero potuto passeggiare per la città. Si tratta di turismo di qualità, disposto a spendere qualcosa in più e a tornare se viene trattato bene”.