Amministrative Siena, Scaramelli (Italia Viva): "Serve un modello di unità e un fronte riformista"

Sabato 7 maggio Italia Viva sarà all'incontro con Enrico Letta al Santa Maria della Scala. Piomboni e Cava: "La nostra città ha bisogno di parlare al mondo, di pensare e progettare il futuro con un orizzonte ampio e riformista. Questi anni di immobilismo e chiusura non hanno fatto bene a Siena"

Di Redazione | 5 Maggio 2022 alle 16:30

“Siena ha bisogno di politica, di essere un modello di unità e di costruzione di un fronte democratico e riformista innovativo. Siena è chiamata a tornare protagonista dello scenario politico istituzionale toscano, oggi più che mai. I sovranisti, al pari dei populisti, con le loro proposte strampalate hanno dimostrato l’incapacità di fare le cose, di agire per il bene comune”.
A dirlo Stefano Scaramelli, presidente del Gruppo Italia Viva in Consiglio regionale, che sabato sarà a Siena con una delegazione cittadina del partito all’incontro con il segretario nazionale del PD. Per i coordinatori di Siena Paola Piomboni e Massimo Cava: “La nostra città ha bisogno di parlare al mondo, di pensare e progettare il futuro con un orizzonte ampio e riformista. Questi anni di immobilismo e chiusura non hanno fatto bene a Siena. Sviluppo economico, ripresa del lavoro, turismo e centralità della cultura devono essere punti fondamentali dell’agenda politica e amministrativa”.
In vista delle amministrative del prossimo anno per Scaramelli: “Siena ha tutte le potenzialità per rimettersi in moto, per dimostrare il proprio valore e tornare a guardare al futuro con speranza e fiducia, coniugare innovazione e tradizione. Serve il coraggio di valorizzare la nobile e storica anima di Siena mettendola in sinergia con le scienze della vita, la ricerca, la cura e lo sviluppo di nuove tecnologie”.


Articoli correlati