Basket A2: turno infrasettimanale, la San Giobbe sfida Forlì

Si gioca stasera alle 20.30 all'UniEuro Arena

Di Redazione | 7 Dicembre 2022 alle 11:00

Avvicinamento alla undicesima giornata di campionato che vedrà la San Giobbe sfidare Forlì all’Unieuro Arena stasera alle ore 20.30. Sarà il terzo incontro tra le due società che lo scorso anno hanno ottenuto una vittoria a testa e in entrambi i casi a spuntarla è stata la squadra di casa. Tanti ex: l’assistente Fabrizi e la guardia Pollone hanno vestito i colori biancorossi della San Giobbe rispettivamente una e due stagioni. Dall’altra parte Bolpin lo scorso anno è stato uno dei giocatori di spicco dell’Unieuro, ma non è il solo chiusino ad avere giocato a Forlì. In Romagna è passato anche Daniel Donzelli. La partita, arbitrata dai signori Masi di Firenze (Fi), Gagno di Spresiano (Tv) e Attard di Priolo Gargallo (Sr), sarà visibile con abbonamento su LNP Pass. A presentare il match il capo allenatore dell’Umana San Giobbe, Giovanni Bassi.

Partita non bella da vedere, ma quarta vittoria nelle ultime cinque.

“Con Mantova una vittoria importante, non una grande pallacanestro da vedere ma vista la situazione era difficile pensare di giocare bene. I ragazzi hanno messo in campo il cuore sopperendo alle assenze e ai gap fisici che c’erano in tutto il campo. Senza dubbio una grande vittoria, sulla qualità del gioco ci lavoreremo”.

Menzione particolare per Riccardo Bolpin, MVP delle ultime due giornate.

“Ricardo sta raccogliendo il frutto del lavoro di questi mesi. In campo è sempre attento e concentrato, difficilmente sbaglia un allenamento quindi sono contento che poi riesca a esprimerlo durante le partite. Qualche volta è apparso un po’ più appannato, come normale che sia, ma è un giocatore molto generoso a cui capita di spendere tante energie. Mi fa piacere che abbia trovato qualche canestro importante, per lui e di riflesso per la squadra”.

Prossima contro Forlì, l’occasione per ritrovare Andrea Fabrizi e Luca Pollone.

“Due amici. Continua la serie di ex che stiamo incontrando. Andrea è un allenatore di grande qualità e una persona di grandissimo spessore. Luca è più di un giocatore per me e non sarà facile vederlo con un’altra maglia ma sono contento del percorso che sta facendo e sarà bellissimo poterlo riabbracciare”.

Che tipo di squadra è Forlì?

“Forlì è una squadra profonda, fisica, completa, molto preparata e ben allenata. Una formazione costruita per cercare di arrivare più in fondo possibile. Quindi un avversario con obiettivi diversi dai nostri, lo sappiamo come sappiamo che dovremo andare lì con grande umiltà, cercando di capire chi siamo, prima di tutto. Ma nella nostra situazione non possiamo regalare niente a nessuno e di conseguenza proveremo a fare la nostra partita, consapevoli della grandissima difficoltà”.

Vista l’emergenza per i numerosi problemi fisici, che partita è lecito aspettarsi dalla San Giobbe?

“Io penso che andremo in campo con leggerezza, con voglia di fare e con l’intenzione di mettere in difficoltà Forlì. Proveremo a fare le nostre cose pur sapendo che la gestione delle energie sarà fondamentale”.



Articoli correlati