Cai di Siena: il 22 Maggio "Giornata dei sentieri" a Sovicille

La “Giornata dei sentieri” si tiene nell'ambito della manifestazione “Sovicille delle meraviglie”

Di Redazione | 15 Maggio 2022 alle 14:00

Si terrà domenica 22 maggio sulla Montagnola la “Giornata dei sentieri” organizzata dal Club alpino italiano (Cai) di Siena. In occasione della festa, guide esperte dell’associazione, che nella nostra provincia conta oltre 600 aderenti, accompagneranno i partecipanti da Pernina a Celsa, per una passeggiata facile, accessibile a tutti, su uno dei tanti sentieri che il Cai tiene tracciati e segnati con una periodica manutenzione eseguita da squadre di volontari.

La partenza è fissata alle 9 da Pernina. Il termine dell’escursione è prevista alle 13 all’ex cava di Celsa, dove c’è una parete di roccia utilizzata come palestra per le arrampicate organizzate dal Cai. Qui si terrà il pranzo al sacco. Ma i volontari dell’associazione hanno allestito anche un posto di ristoro dove i partecipanti al trekking potranno trovare salsicce e carne alla brace, oltre a vino e altre bevande. Per informazioni sulla passeggiata e per comunicare la propria adesione si possono contattare Giacomo Gambini al 340-8304233 e Claudia Magrini al 338-6231379.

La “Giornata dei sentieri” si tiene nell’ambito della manifestazione “Sovicille delle meraviglie” in programma sabato 21 e domenica 22 maggio, giorni nei quali il Cai terrà aperto alle visite il Castello di Montarrenti.

La partecipazione all’iniziativa, libera e rivolta a tutti, si propone di invitare le persone a frequentare la rete sentieristica della Montagnola, che offre passeggiate suggestive fra boschi, casolari, ville e castelli. L’evento mira inoltre a sottolineare l’importanza della manutenzione dei sentieri che li rende percorribili e di conseguenza utili e sicuri presidi per il controllo e la tutela del territorio.

Nel corso della giornata saranno esposti gli elaborati dei ragazzi delle scuole che hanno per tema proprio la protezione dei sentieri. Fra le insidie più frequenti che li minacciano c’è l’abbandono di rifiuti lungo l’itinerario, la cancellazione o l’abbattimento dei segnali ad opera di vandali ma anche il taglio degli alberi del bosco eseguito con mezzi meccanici che devastano il tracciato.



Articoli correlati