Castelnuovo: apertura del consiglio comunale con il No alla guerra in Ucraina

Lavori consiliari dopo la lettura dell’articolo 11 della Costituzione italiana e di un articolo dello Statuto comunale

Di Redazione | 11 Marzo 2022 alle 8:30

Il conflitto in corso in Ucraina ha aperto questa mattina, giovedì 10 marzo, il consiglio comunale di Castelnuovo Berardenga riunito nell’Auditorium di Villa Chigi Saracini. Prima di discutere i punti all’ordine del giorno, il presidente del consiglio comunale, Filippo Giannettoni, ha letto l’articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana che ribadisce il No dell’Italia alla guerra e a ogni forma di violenza contro altri popoli e Paesi, e l’articolo dello Statuto del Comune di Castelnuovo Berardenga dove si afferma che lo stesso Comune “ispira la propria azione al riconoscimento della pace quale diritto fondamentale delle persone e dei popoli, in conformità ai principi costituzionali e alle norme internazionali che riconoscono i diritti innati della persona umana”. Alle sue parole si è unito il primo cittadino castelnovino, Fabrizio Nepi, che ha manifestato la vicinanza di tutta la comunità al popolo ucraino colpito dall’aggressione russa e annunciato l’avvio di iniziative di solidarietà insieme alla Consulta comunale delle associazioni.

Il consiglio comunale è proseguito con la discussione della convenzione tra il Comune di Castelnuovo Berardenga e il Comune di Monteriggioni per l’attuazione di interventi di rigenerazione urbana, approvata all’unanimità, e del regolamento comunale di disciplina delle funzioni in materia di ricerca e coltivazione delle acque minerali, di sorgente e termali, approvata con i voti favorevoli del gruppo consiliare Scelgo Castelnuovo e l’astensione del Gruppo misto e del gruppo Potere al popolo.

Via libera, inoltre, all’aggiornamento del regolamento per l’assegnazione e la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, approvato con i voti favorevoli del gruppo consiliare Scelgo Castelnuovo e l’astensione del Gruppo misto e del gruppo Potere al popolo, e al declassamento di un tratto della Strada Vicinale 32 “della miniera” dalla categoria “b” alla categoria “c” in località Bossi, approvato con il voto favorevole del gruppo consiliare Scelgo Castelnuovo, il voto contrario del Gruppo misto e l’astensione del gruppo Potere al popolo.



Articoli correlati