Castelnuovo Berardenga: si lavora al Biodistretto del Chianti e a interventi sul territorio

Approvato in consiglio comunale l’accordo territoriale del Distretto biologico del Chianti. Via libera a nuove risorse in arrivo da PNRR e altri contributi per edilizia scolastica, sport, ambiente e servizi

Di Redazione | 2 Ottobre 2022 alle 10:30

Distretto biologico del Chianti, bilancio consolidato riferito all’esercizio finanziario 2021 e alcune variazioni al bilancio di previsione e al programma delle opere pubbliche che consentiranno interventi sul territorio in più settori, fra cui edilizia scolastica, ambiente, impianti sportivi e servizi sempre più vicini ai cittadini. Sono stati questi i temi al centro del consiglio comunale di Castelnuovo Berardenga che si è riunito ieri, venerdì 30 settembre nell’Auditorium di Villa Chigi Saracini.

Il consiglio comunale ha approvato l’accordo territoriale del Distretto biologico del Chianti e adottato il regolamento di funzionamento dell’assemblea dello stesso Distretto. I due atti permetteranno al Comune di Castelnuovo Berardenga di proseguire il lavoro avviato con gli altri 6 Comuni del Chianti coinvolti nel progetto di valorizzazione dell’agricoltura biologica e di gestione sostenibile del territorio: Castellina in Chianti, Gaiole in Chianti, Radda in Chianti, Barberino-Tavarnelle, San Casciano Val di Pesa e Greve in Chianti. Il punto è stato approvato con il voto favorevole dei gruppi consiliari Scelgo Castelnuovo e Potere al popolo e l’astensione del Gruppo misto.

Via libera a maggioranza anche per il bilancio consolidato 2021, che rappresenta la situazione patrimoniale-finanziaria e i risultati economici del Comune e delle società controllate. “Il bilancio consolidato di Castelnuovo Berardenga – ha detto il sindaco, Fabrizio Nepi – è sano e solido anche se preoccupano i mesi futuri, dove dovremo fare i conti con la complessa gestione degli aumenti dei costi energetici per gli edifici pubblici”. Il bilancio consolidato 2021 è stato approvato con il voto favorevole del gruppo consiliare Scelgo Castelnuovo, contrario del Gruppo misto e l’astensione di Potere al popolo.

“Le variazioni al bilancio di previsione e al programma delle opere pubbliche per il 2022 ha affermato il sindaco di Castelnuovo Berardenga, Fabrizio Nepi – contano su risorse significative recuperate attraverso bandi PNRR e altre forme di finanziamento esterno che consentiranno di intervenire su più fronti: edilizia scolastica, sport, ambiente, servizi e innovazione. Fra i contributi più importanti, registriamo 360mila euro in arrivo grazie al PNRR per potenziare la digitalizzazione dei servizi al cittadino; 250mila euro per l’efficientamento energetico del Teatro comunale ‘V. Alfieri’ con la compartecipazione del Comune per circa 62mila euro e 70mila euro ricevuti dal Decreto Crescita per l’efficientamento energetico della scuola primaria di Pianella con la sostituzione di tutti gli infissi, a cui si aggiungeranno 121mila euro di risorse proprie del Comune. Altri interventi – aggiunge Nepi – riguarderanno la tutela dell’ambiente, con l’installazione di raccoglitori RAEE, Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, in punti diversi del territorio comunale grazie a 24mila euro in arrivo da ATO Rifiuti e 11mila euro messi a disposizione dal Comune, e la promozione dello sport. Su questo ultimo fronte, grazie anche a contributi esterni, potremo realizzare una nuova area verde attrezzata a Quercegrossa, parchi giochi inclusivi e senza barriere architettoniche a Ponte a Bozzone, Pianella e Quercegrossa e completare la riqualificazione dell’impianto sportivo a Geggiano”. I punti relativi alle variazioni di bilancio sono stati approvati a maggioranza.

Il consiglio comunale, infine, ha dato il via libera all’unanimità all’adozione di un intervento indiretto Utoe in località Quercegrossa, mentre la variante al PAPMAA, Programma aziendale di miglioramento agricolo ambientale, della società agricola Vallepicciola è stata approvata con il voto favorevole dei gruppi consiliari Scelgo Castelnuovo e Potere al popolo e l’astensione del Gruppo misto.



Articoli correlati