Castelnuovo Berardenga si racconta e riscopre il suo patrimonio fra luoghi storici, opere e musei

Sabato 7 e domenica 8 maggio ricco programma di visite, racconti itineranti e aperture straordinarie

Di Redazione | 30 Aprile 2022 alle 23:00

Castelnuovo Berardenga si racconta fra luoghi storici, opere e musei con l’evento “Castelnuovo della storia e dell’arte”, in programma sabato 7 e domenica 8 maggio e promosso dalla Società Filarmonica con il patrocinio del Comune e il supporto del Museo del Paesaggio. L’iniziativa, nata dalla volontà dei volontari della Società Filarmonica di far conoscere e valorizzare il ricco patrimonio storico e architettonico presente sul territorio castelnovino ristabilendo anche verità storiche su alcuni monumenti, proporrà due giorni di visite, racconti itineranti e aperture straordinarie di luoghi culturali in compagnia di alcuni storici. Il programma completo dei due giorni è disponibile su https://castelnuovostoriarte.blogspot.com/.

 

“Castelnuovo della storia e dell’arte” si aprirà sabato 7 maggio alle ore 10 in Piazza Marconi. Da qui, alle ore 10.30, prenderà il via il racconto itinerante in compagnia di Fosco Vivi intitolato “La storia della Castello Nuovo del borgo antico e moderno”, che farà tappa alla Torre dell’Orologio e si concluderà nell’Auditorium di Villa Saracini Chigi. Alle ore 11.30 saranno aperti al pubblico la Sala Raccolta d’Arte, in Piazza Marconi, e il Museo del Paesaggio. Il programma continuerà con il pranzo alle ore 13 presso il Circolo, con prenotazione consigliata, mentre alle ore 15 sarà possibile visitare la Chiesa dei Santissimi Giusto e Clemente, che conserva l’opera pittorica di Giovanni di Paolo datata 1426, in compagnia della storica dell’arte Ilaria Sciascia. Alle ore 16, inoltre, prenderanno il via le visite guidate al Parco di Villa Saracini Chigi e alla Torre dell’Orologio, per le quali è consigliata la prenotazione.

 

La seconda giornata di “Castelnuovo della storia e dell’arte”, domenica 8 maggio, prenderà il via alle ore 9.30 ancora in Piazza Marconi, per poi spostarsi alle ore 10 nell’Auditorium di Villa Saracini Chigi, dove Gabriele Fattorini, docente di Storia dell’arte all’Università di Firenze, racconterà i preziosi reperti storici e religiosi presenti nella Sala Raccolta d’Arte. La stessa Sala, in Piazza Marconi, sarà aperta al pubblico dalle ore 11.30 insieme al Museo del Paesaggio.

 

Alle ore 12 l’evento si sposterà alla Pieve di Pacina, raggiungibile a piedi, con mezzi propri o con una navetta messa a disposizione dagli organizzatori. Qui, alle ore 13, si svolgerà il Pranzo rustico, con prenotazione consigliata. Alle ore 15, Mario Ascheri, già Professore di Storia del diritto medievale e moderno nelle università di Sassari, Siena e Roma 3, guiderà il racconto storico della Pieve di Pacina con l’attrice teatrale Martina Guideri, che leggerà alcune pagine di Emanuele Repetti dedicate alla stessa Pieve di Pacina. Il programma continuerà alle ore 16.45 con la Banda Musicale Pietro Guideri che si esibirà in piazza Castellare, mentre alle ore 17 riprenderanno le visite guidate nel Parco della Villa Saracini Chigi e alla Torre dell’Orologio, con prenotazione consigliata.

 

Informazioni. L’evento prevede ingresso libero, con prenotazione consigliata, per le visite guidate, i racconti itineranti e l’accesso alla Sala Raccolta d’Arte e al Museo del Paesaggio. Per informazioni e prenotazioni, è possibile chiamare il numero 333-9513833 oppure scrivere a castelnuovostoriarte@gmail.com.



Articoli correlati