Geotermia Amiata, interrogazione parlamentare del senatore Dessì (Partito Comunista)

Interrogazione al Ministero di Transizione Ecologica e Sviluppo Economico sul progetto della centrale geotermoelettrica di Sorgenia nel comune di Abbadia San Salvatore

Di Redazione | 21 Aprile 2022 alle 11:00

Interrogazione parlamentare al Ministro della Transizione Ecologica e al Ministro dello Sviluppo Economico da parte del Senatore Emanuele Dessì del Partito Comunista, sul progetto della centrale geotermoelettrica di Sorgenia nel comune di Abbadia San Salvatore.

“In data 23.09.2019 la società Sorgenia – si legge nell’interrogazione – presentava alla Regione Toscana, istanza per il rilascio del Provvedimento Unico Regionale relativamente ad un progetto di un impianto geotermico denominato “Val di Paglia”; il progetto ricade all’interno dell’area Le Cascinelle compresa nella Valle del Paglia, un’area incontaminata tra la Rocca di Radicofani e la vetta dell’Amiata, che costituisce un paesaggio di notevole interesse, a confine con il sito Unesco della Val d’Orcia; il progetto investe un’area di circa 53.400 mq. e prevede l’installazione di un’area di estrazione, due aree di reiniezione dei fluidi geotermici, per un totale di almeno dieci pozzi iniziali, che potrebbero diventare diciassette; che il soggetto proponente il progetto avrebbe effettuato solo indagini geofisiche superficiali, mentre la ricerca della risorsa geotermica sarebbe basata esclusivamente sui risultati dei sondaggi effettuati dall’ENEL negli anni sessanta. Considerato che nel corso  dell’iter autorizzativo del progetto presentato da Sorgenia, studi approfonditi, condotti da tecnici qualificati, sembrerebbero far emergere, forti e svariate criticità ed in particolare criticità paesaggistiche legate al  pesante impatto visivo, tanto che la Soprintendenza ha espresso ben tre pareri negativi sul progetto di realizzazione della centrale geotermica;  criticità ambientali a causa di un non trascurabile rischio sismico, ancor più grave, se si considera che la zona interessata, è già di per sé, classificata zona sismica, oltre a possibili interferenze con il bacino idrico del Monte Amiata e con le vicine sorgenti termali dei Bagni di San Filippo, Bagni Vignoni e San Casciano dei Bagni; a causa delle criticità sopra rilevate, il progetto ha ricevuto pareri negativi da svariati Enti, oltre la Soprintendenza già citata, anche la ASL territorialmente competente ha fornito il proprio parere negativo, segnalando la mancata valutazione del rischio sanitario; pareri negativi sono pervenuti, da tre comuni, sui cinque territorialmente interessati; in occasione della Conferenza dei Servizi del 23.03.2022 si registra l’ennesimo parere negativo della Soprintendenza, oltre che del Comune di Radicofani, mentre l’Unione dei Comuni, che il 16 febbraio 2022 aveva espresso parere negativo, fornisce inspiegabilmente parere positivo, nonostante alcuna modifica fosse stata apportata al progetto; nonostante i pareri negativi della Soprintendenza e del Comune di Radicofani (mentre la maggioranza in carica al comune di Abbadia San Salvatore da parere positivo), viene espresso parere favorevole alla valutazione d’impatto ambientale; sarà poi la Giunta della Regione Toscana che avrà l’ultima parola sul procedimento (l’interrogazione è precedente al  parere positivo dato dalla Giunta Regionale Toscana) ;  pur consapevole che la geotermia è internazionalmente riconosciuta tra le fonti energetiche rinnovabili carbon free ed il suo utilizzo potrebbe andare ad impattare positivamente sul forte fabbisogno energetico del nostro paese, sarebbe auspicabile la diffusione di piccoli impianti di geotermia che non rilascino emissioni nocive, non impattino sui territori, non incrementino il rischio sismico e non inquinino falde acquifere e soprattutto che la costruzione e gestione di tali impianti geotermici siano affidati a soggetti pubblici e non lasciate alla speculazione economica  di privati; Tutto ciò premesso e considerato, si chiede di sapere se il Governo sia a conoscenza delle vicende,  come esposte in premessa, se in merito non ritenga necessario intervenire,  per quanto di sua competenza, anche interessando la Regione Toscana e coinvolgendo le comunità locali, che forti preoccupazioni hanno espresso rispetto ai rischi connessi alla realizzazione della centrale geotermica, al fine di valutare la reale fattibilità del “Progetto Val di Paglia”, onde evitare l’ennesimo scempio territoriale nel nostro paese, rammentando che occorre sempre cercare un equilibrio tra i diversi interessi in gioco: l’interesse collettivo deve porsi sempre e comunque in primo piano e l’economia deve essere solo strumento per il raggiungimento del benessere collettivo e non il fine per realizzare gli interessi di pochi”.



Articoli correlati