Guerra in Ucraina, la preoccupazione del mondo del vino

Crociani (Consorzio Vino Nobile di Montepulciano): "C'era un gran fermento in questo periodo, con le prenotazioni che cominciavano ad arrivare ed invece negli ultimi giorni si è di nuovo bloccato tutto"

Di Redazione | 2 Marzo 2022 alle 10:30

La guerra in Ucraina, oltre ad avere conseguenze devastanti per chi la sta vivendo sulla propria pelle, rischia di avere pesanti ripercussioni per le stremate imprese del territorio. Uno dei settori che potrebbe soffrire di più è quello dell’agroalimentare ed in particolare quello vitivinicolo.

“Sono dei paesi in cui si esporta molto vino – dice Susanna Crociani Vicepresidente Consorzio Vino Nobile di Montepulciano – e non è soltanto il problema della vendita diretta del vino, ma abbiamo anche preoccupazione per tutto quello che riguarda il turismo, quindi l’arrivo degli stranieri a Montepulciano.

C’era un gran fermento in questo periodo, con le prenotazioni che cominciavano ad arrivare ed invece negli ultimi giorni si è di nuovo bloccato tutto. Auguriamoci che tutto questo possa passare in fretta e si riesca a tornare ad una situazione di normalità, perchè ne abbiamo davvero bisogno, tutti”.



Articoli correlati