Il Caseificio dei Barbi di Montalcino si aggiudica il premio Bronze ai World Cheese Awards 2022

I World Cheese Awards, che si sono svolti mercoledì 2 novembre presso l’International Convention Centre Wales a Newport

Di Redazione | 6 Novembre 2022 alle 11:32

Il Caseificio dei Barbi di Montalcino è stato nominato tra i vincitori dei World Cheese Awards, che si sono svolti mercoledì 2 novembre presso l’International Convention Centre Wales a Newport.

Distinguendosi tra 4,434 prodotti iscritti, il Cacio all’aglione, una varietà del formaggio prodotto dal Caseificio dei Barbi, ha vinto l’ambito premio nell’evento più prestigioso al mondo dedicato esclusivamente al formaggio.

Il Cacio all’aglione ha sbalordito alcuni dei maggiori esperti mondiali del settore caseario, tra cui produttori di formaggio, appassionati di formaggio, acquirenti, chef, rivenditori e giornalisti. I formaggi sono stati valutati sull’aspetto della crosta e della pasta, nonché l’aroma, il corpo e la consistenza, assegnando la maggior parte dei punti al sapore e sensazione al palato.

Il pluripremiato Cacio all’aglione è un pecorino semi stagionato, di puro latte di pecora, con pezzetti di Aglione della Val di Chiana aggiunto  alla rottura della cagliata e stagionatura su tavole per 130 giorni.

I World Cheese Awards sono organizzati da Guild of Fine Food: giunti quest’anno alla 34° edizione, hanno registrato più iscrizioni che mai con un numero record di 4.434 formaggi provenienti da 42 paesi e 900 aziende situate in tutto il mondo. Tutti i prodotti iscritti sono stati valutati in un sola giornata, durante la quale 250 esperti provenienti da 38 nazioni diverse ne hanno studiato l’aspetto, la consistenza, l’aroma ed il sapore.

Avviato per la prima volta a metà ‘800 al Molin del Fiore (ancora oggi parte delle tenute della famiglia Colombini), il Caseificio dei Barbi è la più antica attività di produzione di formaggi ancora esistente a Montalcino e fa parte della storica Fattoria dei Barbi, nota cantina produttrice di Brunello. Oggi il Caseificio dei Barbi continua la sua tradizione di formaggi di solo latte di pecora grazie alla mano esperta dei giovani maestri casari sardi Salvatore Soddu e Angela Zizi.

I pecorini dei Barbi sono fatti seguendo le tradizioni del territorio: ne vengono prodotti di affinati nella pasta di olive, in foglia di noce, trattati con pomodoro, con olio extravergine di oliva, rifermentati nello ziro (l’orcio di terracotta senese), affinati a bagno nel Sangiovese di Montalcino e poi infiltrati come il cacio ubriaco, al tartufo, al pepe, alle erbe spontanee di Montalcino, al miele di castagno ricoperti in polline e in tutti i modi dettati dall’antica tradizione casearia ilcinese. Vengono fatti anche caci a media e lunga stagionatura. In base al periodo di lattazione disponibile ricotta fresca, anche al tartufo, e su prenotazione il raviggiolo.



Articoli correlati