Nuova area alle Scotte, la soddisfazione di De Mossi e Di Pietra

Il sindaco di Siena e il rettore dell’Università: “Sinergia tra enti per il bene della comunità”

Di Redazione | 1 Dicembre 2022 alle 12:00

Plauso del sindaco di Siena Luigi De Mossi e del Magnifico rettore dell’Università di Siena Roberto Di Pietra all’approvazione, da parte del consiglio comunale, della Convenzione urbanistica fra l’Università degli studi di Siena e il Comune di Siena per l’attuazione della previsione urbanistica relativa all’intervento diretto in Strada delle Scotte, via Berlinguer, via Veterani dello Sport per la realizzazione del nuovo complesso didattico delle Scotte e per la realizzazione di un’area a parcheggio pubblico a raso lungo la Strada delle Scotte.

Il Comune – sostiene il sindaco De Mossi – ha agito con la massima celerità possibile, di fronte a una richiesta dell’Università che era urgente e di primaria importanza. Portando l’atto direttamente in consiglio comunale. L’amministrazione metterà a disposizione i terreni, l’Università realizzerà l’opera. Ma al di là degli aspetti tecnici, è importante sottolineare la sinergia tra enti e istituzioni del nostro territorio. E’ anche il segno che abbiamo inteso dare in questi anni. Non è più il tempo dei campanili, degli egoismi, delle rendite di posizione. Le grandi sfide che il futuro ci sottopone richiedono la cooperazione di tutti, per il bene superiore della comunità senese”.

“Esprimo la massima soddisfazione – dichiara il rettore – per l’approvazione di questa importante convenzione da parte del Consiglio comunale. Ringrazio il sindaco De Mossi che ha seguito gli atti che hanno portato alla sollecita approvazione. Una volta concluso l’iter anche da parte dell’Ateneo e in particolare l’esame da parte del Consiglio di Amministrazione, potremo emanare il bando di gara. Questa è la necessaria premessa che ci porterà all’avvio dei lavori per importanti opere urbanistiche, che contribuiranno a dotare l’Ateneo e Siena del nuovo complesso didattico delle Scotte per gli studi dell’area biomedica e medica, nonché a migliorare la viabilità e la sosta in quell’area”.



Articoli correlati