Home Cronaca

Parco intitolato a Norma Cossetto, De Mossi: “Tutti i totalitarismi sono da condannare”

Ieri il taglio del nastro per il parco pubblico in piazza d'Armi alla memoria della giovane vittima delle Foibe

Ieri pomeriggio, sabato 17 ottobre, a Siena, si è svolta la cerimonia d’intitolazione del parco pubblico in piazza d’Armi alla memoria di Norma Cossetto, la giovane istriana nata a Visinada nel 1920 e uccisa dai partigiani jugoslavi nel 1943 nei pressi della foiba di Villa Surani dopo giorni di brutali e indicibili violenze.

Norma Cossetto fu insignita della Medaglia d’oro al merito civile nel 2005 dal Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, con questa motivazione: “Giovane studentessa istriana, catturata e imprigionata dai partigiani slavi, veniva lungamente seviziata e violentata dai suoi carcerieri e poi barbaramente gettata in una foiba. Luminosa testimonianza di coraggio e amor patrio”.

“Tutti i totalitarismi sono da condannare – ha affermato il sindaco Luigi De Mossi nel corso della cerimonia – In democrazia si rispetta anche chi la pensa in modo diverso: oggi la politica diventa un momento di appartenenza con l’inaugurazione del parco a Norma Cossetto”.

“Siamo orgogliosi di partecipare a questa manifestazione – ha detto Emanuele Merlino, presidente nazionale del Comitato 10 Febbraio, che ha presenziato alla cerimonia – La nobile città di Siena con questa intitolazione compie un grande gesto di civiltà. Dopo Civitavecchia, Pescara e Assisi, ieri Siena e oggi Dervio (LC). In pochi giorni sono cinque i parchi e le aree pubbliche che sono stati dedicati a Norma Cossetto”.