Serie B femminile: il Costone espugna La Spezia e si aggiudica gara 3

Prova magistrale della squadra allenata da coach Meoni, che approda al secondo turno dei play off

Di Redazione | 5 Aprile 2022 alle 13:30

BASKET LA SPEZIA: Giaroli 4, Gioan 15, Morselli 15, Maiocchi 2, Mori 1, Candelori V., Candelori N. 2, Demi, Frantulli 2, Bagalà, Deborah, Valle ne. All. Gioan

IL DRAGO E LA FORNACE COSTONE SIENA: Bonaccini V. 5,  Dragoni 19, Barbucci 5, Sabia 12, Sposato 13, Pierucci 11, Sardelli 6, Rinaldi 5, Lippi 2, Bonaccini G., Balestrazzi. All. Meoni

ARBITRI: Marinaro e Cavasin

Parziali: 11-24, 24-46, 31-65

41-78

Con una prova a dir poco magistrale, il Costone si aggiudica gara-3 espugnando il parquet di la Spezia con un roboante 41-78. Una vera e propria impresa quella centrata dalle ragazze di coach Marco Meoni che si sono presentate a questo appuntamento cariche a mille, dopo la sconfitta patita mercoledì scorso tra le mura amiche che di fatto ha impattato la serie in questo 1° turno dei play-off di serie B.

La gara in pratica non ha avuto storia, con una partenza a razzo delle senesi che già nella 1^ frazione hanno distanziato nettamente le avversarie chiudendo il quarto sopra di 13. Vantaggio che è andato ulteriormente a dilatarsi nel 2° periodo dominato in lungo e in largo, per poi andare alla pausa lunga sul +22. La partita in pratica si consuma qui, anche se va detto che il Costone ha proseguito anche nella 2^ parte dell’incontro a macinare canestri, opponendosi con tutte le forze ai tentativi di recupero delle padrone di casa, grazie a una difesa ferrea.

La grande prova di Dragoni, una vera e propria trascinatrice, ha contribuito in maniera incisiva al superamento del turno, così come le prove di Sabia, Sposato e Pierucci, tutte quante in doppia cifra, ma sarebbe limitativo non riconoscere a tutto il gruppo il merito di avere disputato una partita davvero incredibile. A questo punto il Drago e la Fornace, approdato al 2° turno, dovrà vedersela con la prima classificata, il Jolly Acli Livorno, senza dubbio un brutto cliente, ma le senesi sapranno vendere a caro prezzo la propria pelle.



Articoli correlati