Arte contemporanea nella Lupa, nuova mostra del Museo d'Inverno

I due artisti italiani Chiara Camoni e Luca Bertolo espongono la loro collezione privata di opere. Oggi pomeriggio l'inaugurazione

Di Redazione | 29 Ottobre 2022 alle 8:00

La Contrada della Lupa, è lieta di rinnovare il consueto appuntamento con l’arte contemporanea, con la nuova mostra del Museo d’Inverno che per questa occasione ha invitato i due artisti italiani Chiara Camoni e Luca Bertolo ad esporre la loro collezione privata di opere.
I due artisti sono stati invitati insieme perché la loro collezione è per lo più condivisa da entrambi, e si trova nella casa dove attualmente vivono.
La particolarità di questa mostra sta proprio nella modalità di selezione attuata dai due artisti, i quali, invece di considerare la loro intera e numerosa collezione, hanno scelto solo le opere presenti nella camera da letto, la stanza della casa che maggiormente identifica il loro legame più intimo.
Partire dallo spazio come criterio di selezione e non da altre motivazioni di natura artistica o affettiva, fa porre l’attenzione sulla posizione occupata da questi lavori all’interno dell’abitazione.
Saranno esposte otto opere in tutto, fra pittura, scultura e fotografia, che verranno fisicamente trasferite, per tutta la durata della mostra, insieme ad alcuni complementi di arredo, dallo spazio della camera da letto di Chiara Camoni e Luca Bertolo, al Museo d’Inverno.
MUSEO d’INVERNO, invita artisti a scegliere e curare una selezione ragionata di opere di altri autori conservate nelle loro collezioni private.
Ogni mostra è un’occasione per evidenziare le relazioni fra gli artisti, per raccontare momenti di scambio ed amicizia e scoprire le “storie” di una storia dell’arte contemporanea ancora inedita.
Il Museo d’Inverno nasce a Siena nel 2016, ideato e diretto dagli artisti Francesco Carone ed Eugenia Vanni, è situato sopra Fonte Nuova ed esiste in sinergia con la Contrada della Lupa.
Chiara Camoni (1974, Piacenza) vive a lavora a Fabbiano, Alta Versilia. Lavora con il disegno, le stampe vegetali, il video e la scultura, in particolare con la ceramica. Le sue opere sono spesso realizzate in collaborazione con amici e parenti, in gruppi estemporanei o attraverso seminari e workshop organizzati. “Il Centro di Sperimentazione” da alcuni anni compare accanto all’artista raccogliendo varie forme di autorialità condivisa. Con Cencilia Canziani sviluppa il ciclo di seminari “La Giusta Misura”.
Mostre recenti: Persones Persons, Biennale Gherdëina, Val Gardena, 2022; La distruzione bella, SpazioA, Pistoia, 2022; La Meraviglia, CEAAC, Strasbourg, 2021; Deux Soeurs, CAPC, Bordeaux, 2020; IO DICO IO, GNAM, Roma, 2020; 17a Quadriennale di Roma, Palazzo delle Esposizioni, Roma, 2020; Artifices instables, Storie di ceramiche, NMNM, Monaco, 2020; About this and that. The self and the other. Like everything, Mostyn, Llandudno, Wales, 2019.
Luca Bertolo (Milano 1968) ha studiato informatica all’università Statale di Milano e poi pittura all’Accademia di Brera, dove si è diplomato nel 1998. Ha vissuto a São Paulo, Londra, Berlino, Vienna e, dal 2005, in un paese montano delle Alpi Apuane. Ha partecipato a mostre in spazi pubblici e privati tra cui MART, Rovereto; MAN, Nuoro; Fondazione del Monte; Bologna; MAGA, Gallarate; Fondazione Prada, Milano; GAM, Torino, GNAM, Roma; Centro Pecci, Prato; Nomas Foundation, Roma; 176/Zabludowicz Collection, Londra; MACRO, Roma; Kettle’s Yard, Cambridge; e in gallerie private, tra cui SpazioA, Pistoia; Arcade, Londra/Bruxelles; Marc Foxx, Los Angeles; Galerie Perrotin, Parigi; Galerie Tatjana Pieters, Gent; The Goma, Madrid; Galeria 3+1, Lisbona; Pierogi Gallery, New York, Aalst Netwerk, Aalst. Suoi articoli sono apparsi su varie riviste e blogs, parzialmente raccolti nel libro I baff i del bambino. Scritti sull’arte e sugli artisti, Quodlibet, 2018. Insegna pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna.”


Articoli correlati