Montepulciano: Bruscello 2022, si alza il sipario sul "Decamerone"

Dal 12 al 15 Agosto 2022, in Piazza Grande a Montepulciano, torna la tradizionale rappresentazione popolare del Bruscello Poliziano con l’opera ispirata alla novelle del Boccaccio

Di Redazione | 11 Agosto 2022 alle 21:00

La Compagnia Popolare del Bruscello è pronta per tornare in Piazza Grande a Montepulciano per l’edizione numero 83 del Bruscello Poliziano. Tutte le sere, dal 12 al 15 Agosto 2022, con partenza alle ore 21:30, l’appuntamento si rinnova sul sagrato del Duomo per quattro repliche dello spettacolo “Decamerone”, con la partecipazione di oltre cento bruscellanti tra solisti e coro, corpo di ballo e orchestra.

Come già annunciato negli scorsi mesi, la decisione della compagnia popolare è stata quella di riproporre il “Decamerone”, con gli opportuni aggiornamenti: il Bruscello del 2015 ispirato alla famosa opera di Boccaccio, e che fu ridotto a soltanto due serate di repliche per via del maltempo.

Le autrici del libretto sono Irene Tofanini e Chiara Protasi, mentre la direzione musicale è affidata ad Alessio Tiezzi e la regia a Stefano Bernardini. Il corpo di ballo Ecole de Ballet diretto da Maria Stella Poggioni tornerà a valorizzare ulteriormente lo spettacolo del Bruscello, sotto la direzione artistica di Franco Romani.

La trama. La storia narra le avventure dei giovani novellatori del Decamerone di Boccaccio che diventano i diretti protagonisti di alcune delle loro novelle. I ragazzi decidono di fuggire da Firenze per allontanarsi dalla peste e per aiutare Pampinea a sfuggire dal suo matrimonio combinato con il mercante Erminio de Grimaldi. Decidono di dividersi in due gruppi: tre ragazzi e sette ragazzi ma, senza conoscere le destinazioni reciproche, si ritrovano nel convento delle monache di Fiesole. Lì, le ragazze vengono travestite da suore, mentre i giovani, seguendo il consiglio di Fra Cipolla, si fingono muti e vengono accolti dalle monache per assolvere alle loro abitudini poco convenzionali. Le ragazze scandalizzate per il comportamento delle suore e arrabbiate con i loro amanti, decidono di vendicarsi. Prima, per provare la loro forza d’animo, li invitano a seguirli nelle stanze della badessa per divertirsi un po’, e poi, sfruttando il travestimento da frate di Fiammetta, li costringono a confessare i giochi amorosi fatti con le monache. Nonostante tutto, dopo un’accesa discussione giungono di nuovo alla pace e decidono di andar via dal convento. Per la strada verso il palazzo di Pontassieve, vengono catturati dai briganti, ma riescono a fuggire grazie alle ottime doti di danzatrici delle sette fanciulle, che rubano la chiave della prigione e liberano i tre ragazzi. Arrivati finalmente a Palazzo, trovano Fra Cipolla intento nell’insegnare ai propri chierichetti gli imbrogli dei buoni e vecchi frati di campagna, ma sono presto raggiunti anche dai briganti che li minacciano per avere altri soldi. Tuttavia, di fronte all’arguzia di Fra Cipolla, i malfattori si arrendono e decidono di stringere amicizia con la compagnia. E così, dopo aver pronunciato i finti voti di matrimonio, decidono di rimanere tutti nel palazzo cantando, ballando e raccontandosi novelle in attesa che passi la pestilenza.

Un po’ di storia. Il Bruscello affonda le sue radici nelle tradizioni contadine della mezzadria e della Valdichiana. Il nome è riconducibile all’arboscello sotto il quale i Cantastorie raccontavano le gesta di personaggi cari alla memoria delle genti di campagna e dei borghi che ospitavano le feste popolari. A Montepulciano si ha memoria del Bruscello fin dall’800, ma è nel 1939 che la Compagnia Popolare lo rinnova e lo porta dalle campagne al Sagrato della Cattedrale, rendendolo più spettacolare. La scena naturale dei vecchi borghi e campagne si trasforma in grandi castelli e colonnati appositamente costruiti dagli artigiani poliziani. La musica diventa melodia, stornello, serenata: il Bruscello viene dotato di versi in metrica più snelli, accompagnati dall’orchestra. Le storie che vengono rappresentante sono quelle conosciute dal popolo: storie legate ai Reali di Francia e ai drammi dei personaggi raccontati da Dante nella sua Commedia; storie di personaggi della nostra tradizione e leggende, ma anche la farsa, la burla e lo sberleffo trovano presto spazio nel Bruscello Poliziano, drammatizzato e suddiviso in scene ed atti, come nelle grandi opere popolari. Durante gli anni si sono succeduti commedie e drammi, rinnovando una tradizione antica con spirito di divertimento, continuando a sviluppare questa ricchezza culturale della tradizione popolare.

Ringraziamenti. La manifestazione del Bruscello non si è fermata neppure durante la pandemia, a dimostrazione del suo grande valore sociale e dell’importanza rivestita all’interno della comunità poliziana. Il Bruscello è reso  grazie all’impegno di tutti i bruscellanti e della macchina organizzativa, oltre al patrocinio del Comune di Montepulciano, della Provincia di Siena e della Regione Toscana. Oltre alla sponsorizzazione di Banca Tema, si ringraziano per il supporto Consorzio Vino Nobile di Montepulciano, Conad, Pitagora, Cantine Dei, Cantina Crociani, Centro sicurezza antincendio, Estra, Scotti Ugo Automobili, Macelleria Belli, Ristorante Pizzeria 3 Stelle, LFI, Vecchia Cantina di Montepulciano, Cantine Contucci, Osteria Acquacheta.

La Compagnia. Il Bruscello Poliziano 2022 “Decamerone” è stato scritto da Irene Tofanini e Chiara Protasi. Direzione musicale e musiche di Alessio Tiezzi. Coreografie di Maria Stella Poggioni. Regia di Stefano Bernardini. Direzione Artistica di Franco Romani. Personaggi e interpreti: Irene Tofanini, Chiara Protasi, Marco Banini, Claudio Almasio, Paolo Parissi, Franco Capitini, Stefano Banini, Teresa Zazzaretta, Andrea Paolessi, Stefano Bernardini, Sabrina Dottori, Elena Cappelli, Elisabetta Canapini, Claudio Bernetti, Daniela Mosca, Valentina Dentari, Quirino Marignetti, Matteo Benvenuti, Michele Morgantini, Alfredo Giometti, Marco Giannotti. L’orchestra popolare del Bruscello è composta da Francesco Lo Vaglio, Andrea Ciacci, Ginevra Gambacciani, Ana Hoxha, Emiliano Marrocchi, Leonardo Bove, Matilde Mosconi, Giacomo Zerillo, Sara Cipriani, Vittoria Bigozzi, Demetra Micheli, Lorenzo Calvanelli, Nora Messeri, Ugo Boncompagni, Giampiero Allegro, Giovanni Tramonti, Gabriele Brutti, Giacomo Valentini, Antonio Petrucci, Emanuele Maglioni, Davide Commone, Enrico Morgantini, Tommaso Severini, Christine Hellemans. Direzione coro dei bambini a cura di Chiara Giorgi. Coordinamento ai costumi: Michele Morgantini ed Emanuela Rossi. Logistica dei bruscellanti: Anna Meconcelli. Si ringrazia Alfredo Giometti per l’immagine di copertina del Bruscello 2022.



Articoli correlati