Colle Val d'Elsa: ex binario morto, previsto per il mese di settembre l’avvio del cantiere

La Giunta aveva approvato il progetto esecutivo. Intervento da 325 mila euro

Di Redazione | 23 Maggio 2022 alle 15:30

E’ previsto per il mese di settembre l’avvio a Colle di Val d’Elsa, del cantiere per i lavori sull’ex binario morto. L’intervento, per un importo complessivo di 325 mila euro, ha visto lo scorso mese di ottobre l’approvazione del progetto esecutivo. Gli ultimi mesi saranno quelli utili per le necessarie verifiche burocratiche dettate dalla normativa vigente in materia di appalti pubblici, oltre al tempo necessario per la predisposizione dei documenti finalizzati all’avvio dei lavori.

Il progetto prevede la realizzazione di una nuova area a verde e un percorso pedonale e il recupero dell’ex binario consentirà la sistemazione complessiva del sito sul lato destro dell’ex binario con la creazione di un’area pavimentata che collegherà via Verdi, attualmente senza sfondo, alla pista ciclopedonale. Qui sarà realizzato un piccolo giardino con alberi e sedute per consentire ai pedoni di sostare e riposare. Il progetto prevede anche la realizzazione di una serie di opere di contenimento e messa in sicurezza della scarpata dell’ex binario morto. Nel dettaglio verranno realizzati una serie di gradonate che consentiranno di raggiungere la quota di raccordo con via Verdi e via Martiri della Libertà. Questa nuova configurazione dello spazio consentirà pertanto la creazione di un’area pavimentata che collega via Verdi, attualmente senza sfondo, alla pista ciclopedonale ed al nuovo giardino. L’investimento sarà in parte finanziato con risorse regionali legate al nuovo accordo di programma dei fondi europei PIU.

Questo nuovo spazio sarà caratterizzato da aree a giardino gradonate, corredate da spazi di sosta provvisti di sedute ed arredi, permetterà l’integrazione dei flussi pedonali provenienti dal terminal degli autobus o da piazza Arnolfo con l’area pedonale su via Martiri della Libertà, e il polo scolastico di via XXV Aprile; inoltre, rivitalizzerà via Verdi che si apre su questo nuovo spazio, con un’area pavimentata e arredata, che, da strada senza sfondo, entrerà a far parte di questo nuovo sistema di percorsi pedonali. Un nuovo giardino, uno spazio riconquistato. Questo nuovo percorso e giardino sarà affiancato dal tracciato della pista ciclopedonale bidirezionale che proverrà da piazza Arnolfo, risalendo la scarpata del canyon dell’ex-binario sul lato sinistro, colmando il dislivello con via Martiri della Libertà e via Verdi e garantirà l’accessibilità alle persone con ridotta capacità motoria. Questo tratto della pista ciclopedonale è già stato realizzato con un precedente intervento. Le due operazioni sono distinte ma complementari nella rivitalizzazione di uno spazio urbano di “cerniera”.



Articoli correlati