Home Cronaca Associazione Buongoverno Mps: “Sentenze ex vertici, ora un’azione sinergica con cittadini ed enti finora silenti”
0

Associazione Buongoverno Mps: “Sentenze ex vertici, ora un’azione sinergica con cittadini ed enti finora silenti”

0
0

L’associazione chiede sostegno e collaborazione viste le onerose spese legali degli altri procedimenti in corso

Condanna in primo grado degli ex vertici Mps, il commento dell’Associazione Buongoverno MPS:

“Alla luce della sentenza – è la nota – di cui ancora non sono state rese note le motivazioni, che condanna Mussari, Vigni ed altri imputati a pesanti pene, in merito alla vicenda MPS-Antonveneta, notiamo che hanno esultato, anche sui social, molti soggetti e movimenti, mai impegnatisi in passato, dando l’impressione di attribuirsi inappropriati meriti per la ricerca della verità”.

“Facciamo presente che fino ad oggi, sulla vicenda MPS, non c’e stato purtroppo un interesse costante e costruttivo né da parte di singoli, né di gruppi, né di Istituzioni, né di Enti, nonostante le molteplici sollecitazioni da parte della nostra Associazione che, fin dalla sua costituzione, si è attivata in modo efficace e continuativo. Anche gli organi di informazione, per troppo tempo, si sono dimostrati acquiescenti. Alcuni movimenti e partiti politici hanno addirittura cavalcato la questione in campagna elettorale, con promesse di battaglie per fare luce su questo enorme scandalo finanziario, a cui non hanno fatto seguito comportamenti coerenti”.

“Ricordiamo a coloro che vogliano concretamente dimostrare il loro impegno, che possono sempre collaborare con noi, tenuto conto delle nostre ridotte forze e risorse, in vista degli altri procedimenti in corso. Al momento, ringraziamo i 24 Senesi, i cui nomi saranno resi pubblici a breve, che hanno partecipato alla sottoscrizione da noi lanciata per sostenerci economicamente nelle onerose spese legali. Richiamiamo di nuovo all’impegno e ad un’azione sinergica anche quelle Istituzioni ed Enti locali che sono stati finora silenti e defilati, che auspichiamo che finalmente si rendano disponibili e si attivino seriamente per l’accertamento di tutti i misteri conseguenti al disastro MPS-Antonveneta”.