Banco Farmaceutico: a Siena raccolte 4320 confezioni

La città del Palio, come sempre, risponde alla grandissima al richiamo di chi ha bisogno. Saranno aiutate persone indigenti di 11 realtà assistenziali del territorio provinciale

Una Siena, città e provincia, dal cuore grande. E’ quella che abbiamo imparato a conoscere e comprendere in tutte le recenti iniziative che hanno visto al centro dell’attenzione la solidarietà.

Anche questa volta una conferma. Durante il periodo 9-15 febbraio, giornate di “Raccolta del Farmaco di Banco Farmaceutico” , sono state raccolte 4.320 confezioni di farmaci in 34 farmacie: aiuteranno le persone indigenti di 11 realtà assistenziali del territorio.

Non male davvero. A livello nazionale, raccolte 468.000 confezioni di medicinali, pari a un valore superiore a 3,5 milioni di euro. Questi farmaci aiuteranno più di 434.000 persone povere di cui si prendono cura 1.790 realtà assistenziali convenzionate con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus. Tali realtà hanno espresso a Banco Farmaceutico un fabbisogno paria oltre 979.000 confezioni di farmaci che, grazie alla raccolta, sarà coperto al 48%.
Non è tutto i titolari delle farmacie hanno donato circa 730.000 euro. Un successo nonostante la pandemia e tutte le difficoltà organizzative.

“Non era scontato che la GRF si potesse svolgere, né che la partecipazione fosse così ampia; invece, benché la situazione fosse complicata a causa della pandemia, abbiamo assistito ad un vero e proprio moto collettivo di umanità da parte dei tanti soggetti che vi hanno preso parte: i volontari, che hanno prestato gratuitamente il proprio tempo e, in certe zone d’Italia, affrontato il freddo per invitare le persone a donare un medicinale; i farmacisti, che hanno ospitato l’iniziativa, diventandone essi stessi volontari; i cittadini che hanno regalato un farmaco (molti dei quali sono andati apposta per questo scopo); le aziende che hanno contribuito all’evento, garantendone la sostenibilità; e le istituzioni che ci hanno supportato. La strada è ancora in salita e, la crisi economica innescata da quella sanitaria, continuerà a impoverire tante persone. Tuttavia, sappiamo che possiamo continuare a contare sull’aiuto di un piccolo popolo di amici generosi”, ha dichiarato Sergio Daniotti, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus.

la foto è stata scattata presso la farmacia Costalpino.

Giornalista pubblicista da oltre 15 anni, si occupa di comunicazione nel pubblico impiego. Ha lavorato in Italia e all'estero. Si dice onorato di risiedere a Siena, città che vede crescere i suoi figli. Parla e scrive di sport ed attualità: nel suo passato radio e carta stampata. Nel presente il web.