Bottega Verde, chiude il primo storico negozio di Pienza. FILCAMS CGIL pronta allo sciopero

Per sabato 17 luglio è prevista la prima giornata di sciopero delle lavoratrici

Continua la vertenza promossa dalla FILCAMS CGIL di Siena nei confronti di Bottega Verde, che dopo aver tratto la sua fortuna a Pienza ha deciso di sopprimere il primo storico negozio pientino ed azzerare tutti i rapporti di lavoro nella città che l’ha fatta diventare un brand ricco e famoso.

“Dopo oltre un mese dalla casuale venuta a conoscenza delle scellerata decisione di chiudere il negozio di Pienza e un silenzio assordante che l’Azienda ha continuato a mantenere – dicono dal sindacato – solo ieri, dopo una nostra ‘pressante’ richiesta, si è svolto un incontro in video conferenza con la Dirigenza della Società, nel quale la stessa ha, in sintesi, confermato la volontà di chiudere il negozio, in nome esclusivo del dio ‘profitto’ infischiandosene delle lavoratrici e della gratitudine che dovrebbe riconoscere alla collettività di Pienza, dato che è anche grazie al personale e al nostro territorio se i Dirigenti possono sedere su poltrone ben remunerate”.

Ma dopo il danno anche la beffa: “L’eventuale ricollocazione delle lavoratrici ipotizzata da Bottega Verde, anche se probabilmente un bluff, – prosegue la FILCAMS CGIL – potrebbe consistere nella loro assunzione per alcuni mesi all’anno da parte di un’altra Azienda collegata, previo accordo tra le due Società, che però dovrà comunque selezionare quale personale prendere e quale scartare. Passi la ricerca del profitto, passi l’uso improprio della Val d‘Orcia ai fini commerciali, passi pure la mancanza di correttezza e la caduta di stile di Bottega Verde, ma calpestare così la dignità delle persone e di coloro che lavorano per vivere è davvero una vergogna. Siamo al mercato delle vacche!”.

“Infine l’Azienda ha anche proposto – rivela l’organizzazione sindacale – un trasferimento delle lavoratrici al negozio di Bologna. Non ci sono più parole: una presa in giro e un’arroganza sopra a tutto e tutti”.

“Sabato 17 luglio – annuncia la FILCAMS CGIL – verrà effettuata la prima giornata di sciopero delle lavoratrici. La nostra lotta continua”.