Campino Fonti di Ovile a un privato, Gs Alberino: "Avevamo un progetto, venduto un pezzo di Siena"

"Avevamo pronto il progetto per riqualificare la zona, ma è stata messa tra i beni alienabili e poi venduta a un privato. Non ci poteva essere messo un vincolo di destinazione pubblica?". Benini: "Dei progetti non ne è andato in porto nessuno. Nel Gennaio 21 esattamente il 2 fu fatto anche un sopralluogo dal Presidente UISP per valutare se da solo o in concorso ci si poteva fare qualcosa. Nessun esito. Quindi è tornato tra i beni alienabili".

Di Redazione | 20 Gennaio 2022 alle 16:17

La società Gs Alberino interviene in merito alla vendita a un privato da parte del Comune di Siena dell’area del Campino alle Fonti di Ovile. I compratori sono imprenditori già attivi nel mondo dello sport, che in passato avevano provato a prendere in gestione l’impianto senza successo. La stessa situazione rappresentata ora dal gruppo calcistico: “Avevamo pronto il progetto per riqualificare la zona, ma è stata messa tra i beni alienabili e poi venduta a un privato. Non ci poteva essere messo un vincolo di destinazione pubblica?” si afferma.
“La nostra società da anni aveva depositato il progetto sull’aria del campino di ovile, che andava a qualificare la zona con un impianto sportivo e un’area aperta al pubblico e ai bambini. Abbiamo inviato su richiesta dello stesso comune delle lettere di interesse, un interesse che includeva nel progetto anche le contrade limitrofi e il quartiere di Ravacciano, con l obiettivo comune di creare i presupposti per il recupero dell’area che sarebbe stata ripulita e messa in sicurezza per utilizzi sociali – spiega l’Alberino – Lo stesso interesse è stato ribadito con una comunicazione firmata da tutte le società di calcio di Siena. Successivamente la stessa aria era stata indicata come punto principale dove indirizzare le risorse provenienti da fondi europei del progetto Urbinat, per la riqualificazione delle periferie. Quindi la chiusura di un cerchio, il quartiere, le contrade e un gruppo sportivo che utilizzano un bene e partecipano alla sua progettazione”.
“Molti poi erano quelli interessati al recupero per aspetti affettivi perché era dove da piccoli siamo andati a giocare un po’ tutti, dove si suonava il tamburo e si girava con la bandiera. Un pezzo della nostra storia accanto alle fonti di Ovile, un bene di rilevanza storico-culturale, di cui abbiamo appreso dalla stampa che il comune ha prima deciso di inserire tra i beni alienabili e con grande fretta di venderlo. Dei lotti venduti 4 se li sono aggiudicati le contrade, mantenendo un utilizzo sociale, solo quello delle Fonti di Ovile , forse il più pregiato, è stato venduto ad un investitore privato. A questo punto ci domandiamo. Non ci poteva essere messo un vincolo di destinazione pubblica? Quali garanzie ha la comunità di potervi domani accedere e utilizzarlo? Lasciamo un bene storico come le Fonti all’utilizzo privato?”.
Prosegue l’Alberino: “Oggi assistiamo all’ennesima vendita di un pezzo di Siena, capiamo che tutto ha un prezzo, che le risorse nei comuni sono limitate, ma non per tutti, che a Siena non siamo capaci di attrarre fondi europei e quando ci piovono addosso preferiamo non utilizzarli. Ci chiedevamo per cosa sarebbe stato ricordato questo comune e fino a oggi non avevamo una risposta che improvvisamente c’è arrivata: per la vendita o per la svendita non solo di beni ma della nostra storia e dei nostri ricordi. Speriamo solo che quanto è stato ricavato vada ben gestito e non vado a coprire buchi che generano altri buchi. Nel frattempo, per l’attività nei nostri bambini abbiamo trovato ospitalità presso la struttura del g.s. Geggiano nel comune di Castelnuovo Berardenga che sta ristrutturando tutti gli impianti con il bonus 110 e risorse regionali, a loro va il nostro grazie” è la chiosa.
Sul tema così l’assessore allo sport Paolo Benini: “Il campo fu fatto togliere da me dai beni alienabili circa 2 anni fa per richieste ricevute. Dei progetti non ne è andato in porto nessuno. Nel Gennaio 21 esattamente il 2 fu fatto anche un sopralluogo dal Presidente UISP per valutare se da solo o in concorso ci si poteva fare qualcosa. Nessun esito. Quindi è tornato tra i beni alienabili”.


Articoli correlati