Caos parcheggi a Colonna di San Marco

Interrogazione di Pinassi su ex aree di servizio e parcheggio scambiatore via Frajese

Il nodo viario alla “colonna San Marco” è stato oggetto, nella seduta consiliare odierna, di un’interrogazione di Michele Pinassi (Siena 5 Stelle).

Il consigliere, evidenziando il carico di traffico nell’area, soprattutto durante gli orari di apertura e chiusura degli uffici, ha ricordato la richiesta “già avanzata nel 2014 insieme a altre forze politiche, per recuperare le due aree dove, fino a qualche anno fa, erano ubicati due distributori di benzina, così da poter offrire alle attività commerciali presenti parcheggi temporanei per i clienti, in modo da non intralciare il traffico già congestionato”.

Pinassi ha chiesto di conoscere “le intenzioni dell’Amministrazione in merito alle due aree dove si trovavano i distributori; se sono state acquistate e, in caso contrario, i motivi ostativi”; infine “i motivi per i quali il parcheggio scambiatore di via Frajese è ancora inutilizzato e le tempistiche per la sua riapertura”.

“A seguito dalla dismissione dell’impianto Erg – ha risposto l’assessore ai Lavori pubblici, Paolo Mazzini – è stato avviato un procedimento ambientale che ha determinato un progetto operativo di bonifica del terreno, approvato nel 2015, che doveva concludersi il 20 ottobre dello scorso anno. Vista la mancata chiusura dei lavori, abbiamo sollecitato la società e la ditta Arcadis, che gestisce la bonifica per conto di Erg, ha comunicato che, per chiudere il procedimento, deve attendere i risultati delle analisi dell’ultimo campionamento delle acque di falda”.

“Quando la bonifica sarà completata – ha aggiunto – potrà essere rivalutata la nuova sistemazione viaria e quella della sosta, attraverso un progetto unitario di opera pubblica e secondo uno studio di fattibilità già approntato, considerando anche la proprietà privata delle due superfici degli ex distributori di carburante“.

Per quanto concerne l’area dell’ex impianto Agip, Mazzini ha affermato che “i valori degli inquinanti sono risultati entro i limiti, come confermato dalle verifiche dell’Arpat: quindi l’area risulta nuovamente utilizzabile. Nei prossimi mesi, quindi, ambedue gli spazi potrebbero essere utilizzati“.

Infine, in merito del parcheggio in struttura in via Paolo Frajese (la strada intorno al nuovo edificio alla Colonna di San Marco), l’assessore ha informato che la capienza effettiva è stata ridefinita in 87 stalli di sosta, secondo quando disposto dal Codice della strada. “A più riprese, il luogo è stato oggetto di interventi di sistemazione e di atti vandalici e la stima dei danni per poter ripristinare le condizioni minime indispensabili per un affidamento della gestione è di circa 300 mila euro. Nessun soggetto risulta interessato alla sua gestione in funzione dei costi vivi annui e di un’eventuale integrazione tariffaria con le linee del trasporto pubblico locale nelle direttici Piazza Indipendenza e Piazza Postierla”.

Il consigliere Pinasssi rifiutandosi di fare considerazioni sulle due aree dove si trovavano i distributori perché “pur comprendendo le necessità della bonifica della zona è pur vero che la destinazione ipotizzata non era un parco per bambini, bensì finalizzata alla sosta delle auto. Mentre per quanto riguarda il parcheggio in via Frajese non riesco a capire l’alta entità del danno a carico dell’impianto elettrico, perché 200mila euro sono veramente troppi. Vedere questo spazio parcheggio scambiatore, così importante per la città, in stato di abbandono dimostra l’incapacità dell’Amministrazione. Nel dichiararmi insoddisfatto chiedo provvedimenti rapidi e immediati per risolvere le criticità presenti alla Colonna di San Marco”.

via paolo frajese colonna di san marco colonna di san marco 2