Home Cronaca “Current Shapes”, musica elettronica e sperimentale all’Accademia Chigiana
0

“Current Shapes”, musica elettronica e sperimentale all’Accademia Chigiana

0
0

Evento a cure di Cinque in programma per sabato alle 21.15 nel cortile di Palazzo Chigi Saracini

Prodotto e curato da Cinque, in collaborazione con Radioarte.it e Inner Room
Siena, Current Shapes è un evento dedicato alla musica elettronica sperimentale,
inserito nella programmazione del Chigiana International Festival 2018 Sounding
Times, il festival estivo prodotto dall’Accademia Chigiana, con la direzione
Artistica di Nicola Sani.

Con una programmazione fortemente incentrata sulle opere di Karlheinz
Stockhausen, Sounding Times si concentra sui lavori del grande sperimentatore
tedesco, in cui modernità e tradizione convivono in una zona di confine della
musica colta, dove i canoni classici vengono rivoluzionati dall’uso delle
macchine e delle strumentazioni elettroniche.

Current Shapes rappresenta, in questo contesto, la frontiera più estrema di
questo connubio, proponendo una serata dove l’elettronica svolge un ruolo di
primo piano, continuando a dialogare sommessamente con la componente umana
presente in innumerevoli forme.

Il corpo artistico presentato da Current Shapes consiste in artisti italiani che
collaborano regolarmente con realtà internazionali di alto livello.
Emanuele Giannini aprirà la serata presentando in première “Sonora” – una
performance in cui il metallo è componente fondamentale, in forma di gong, le
cui vibrazioni verranno trasmesse e processate elettronicamente attraverso
effetti sonori e armonie vocali.

Borromini, duo palermitano residente a Berlino, eseguirà in première
“Atmosfere”: un lavoro fortemente incentrato su geometricità e asimmetrie
compositive, la cui performance mette in luce il contrasto tra la freddezza
meccanica della macchina e il calore del tocco umano apportato dal suono di una
grancassa. Borromini sono Giovanni di Giandomenico e Aladin Ilou. Per Current
Shapes alla grancassa ci sarà il percussionista Riccardo Caruso.
A chiudere l’incontro l’artista senese Giulio Aldinucci, da tempo presente sulla
scena elettronica sperimentale e ambient a livello internazionale. Ispirato da
tematiche contemporanee quali l’instabilità dei confini geografici e la fluidità
del concetto identitario, Aldinucci fa uso di registrazioni sul campo ed effetti
elettronici per creare paesaggi sonori unici. L’ultima acclamata uscita di
Aldinucci, “Borders and Ruins” e il suo prossimo lavoro “Disappearing In A
Mirror”, entrambi pubblicati dall’etichetta tedesca Karlrecords, saranno il
punto centrale intorno al quale si svilupperà questa esclusiva performance.
Current Shapes si prefigge il compito di tracciare una linea di collegamento tra
tradizione e sonorità contemporanee, cercando di mettere a nudo il filo
conduttore che lega due emisferi apparentemente lontani tra loro, ma con radici
profonde nello stesso suolo.

Si ringraziano le realtà senesi attive nel campo della cultura e
dell’innovazione, Santa Chiara Lab e l’associazione Il Liceone, che si sono
gentilmente offerte di utilizzare i propri canali per comunicare l’intento della
serata.