I Carabinieri fermano un piccolo centro di spaccio adolescenziale

Dopo numerose ricerche I Carabinieri hanno scoperto come luogo di spaccio un vecchio lavatoio abbandonato posto alla periferia di Colle

Era cominciato tutto grazie al banale passaggio di una gazzella del Radiomobile dei carabinieri della Compagnia di Poggibonsi in prossimità di una piazza di Colle di Val D’Elsa. Un ragazzo di diciassette anni, già conosciuto dai carabinieri, alla vista dell’auto con colori e livrea d’istituto che stava per transitare nella piazza, aveva lanciato un oggetto in un’aiuola, un involucro bianco. La scena non era però sfuggita allo sguardo vigile dei militari.

La rapidità improbabile del gesto non era compatibile con la successiva ineffabile indifferenza da sfaccendato, con la quale il giovane si era mostrato alla vista dei militari. Questi si erano preoccupati dapprima di recuperare l’oggetto e poi di contestarne il contenuto al ragazzo. Si trattava di un piccolo quantitativo di marijuana.

Il 17enne, condotto in caserma, è stato segnalato alla Prefettura di Siena quale assuntore di stupefacenti. Si era rivelato molto reticente, non c’era stato modo di poter sapere da lui chi gli avesse ceduto quella dose di “erba”. I sospetti si erano però rivolti da subito ad alcuni ragazzi presenti nella piazza, sui quali saranno poi mirate le attenzioni degli inquirenti. È così iniziata speditivamente un’attività che ha condotto i carabinieri a un vecchio lavatoio abbandonato posto alla periferia di Colle. Si trattava di un’area frequentata dai giovani in questione. Dopo un attento monitoraggio, i militari hanno effettuato un accesso in quell’area ove, ben imboscati, dove sono state rinvenute delle bustine di plastica idonee a contenere dosi di stupefacente e un attrezzo atto a tranciare, sezionare, porzionare la roba.

Sono stati ascoltati a verbale diversi residenti del rione che hanno confermato un generico via vai serale di adolescenti, confermando dei sospetti che andavano pian piano trasformandosi in certezze. I carabinieri hanno infine deciso di interrompere ieri tale piccolo ma indesiderabile traffico di cannabis, andando a fermare in prossimità del lavatoio gli spacciatori in erba, tre diciassettenni di Colle, uno dei quali veniva trovato in possesso di un piccolo quantitativo di marjuana, all’interno del suo telefonino venivano rinvenute numerose chat relative ad accordi per la cessione di stupefacente, quanto basta per denunciare tutti e tre alla Procura dei Minori di Firenze, per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

La legislazione vigente è particolarmente generosa per i minorenni, nella prospettiva di un loro recupero sociale e comportamentale. Si spera naturalmente che ai tre ragazzi la lezione sia servita e che sappiano fare tesoro di quest’esperienza negativa.