Il Comune apre il Cortile del Podestà ai matrimoni

A causa dell'emergenza Coronavirus, fino al 31 Dicembre sarà possibile sposarsi nell'Entrone

L’Amministrazione amplia l’offerta per i matrimoni civili nelle strutture comunali. A causa dell’emergenza Coronavirus, in via del tutto eccezionale e temporanea fino al prossimo 31 dicembre o a cessazione del pericolo, sarà possibile sposarsi all’interno del Cortile del Podestà. L’Entrone, luogo magico dove durante i giorni del Palio vengono portati i cavalli in attesa della Carriera oltre a dare accesso alla Torre del Mangia, al teatro dei Rinnovati e al Museo Civico, sarà una ulteriore ed alternativa sede al fine di garantire e rispettare le norme di sicurezza dettate dalle misure anti Covid-19. La delibera, dell’assessore al Turismo e Commercio Alberto Tirelli, è stata adottata ieri, 2 luglio, dalla Giunta comunale considerate le richieste che stanno pervenendo per celebrazioni di matrimoni civili in questo delicato e particolare periodo.

Il servizio è già attivo.

“Allarghiamo l’offerta con l’apertura del Cortile del Podestà che per i senesi e per la città rappresenta uno dei punti di riferimento del cuore e della storia>>, sottolinea Tirelli. <>, sottolinea Tirelli. <

Il matrimonio nel Cortile del Podestà avrà lo stesso costo della Loggia dei Nove: 300 euro per i residenti nel comune di Siena, mentre per gli ex residenti nel comune e provincia di Siena, nati Siena o residenti nella provincia la tariffa è di 700 euro. Per tutti i residenti fuori dalla provincia di Siena il prezzo sarà di 1500 euro. Le altre strutture senesi comunali o convenzionate con il Comune dove è possibile sposarsi sono la Sala del Concistoro, la Sala di Palazzo Patrizi, Loggia dei Nove, Sala del Mappamondo, Foyer del Teatro dei Rinnovati, Sala Storica Biblioteca Comunale degli Intronati, Le Volte di Vico Bello, Castel di Pugna, Fonti di Pescaia e Grand Hotel Continental.