La San Giobbe Chiusi cade sul parquet di Rimini

Prima sconfitta esterna in campionato per i ragazzi di coach Bassi

RIVIERA BANCA BASKET RIMINI – SAN GIOBBE CHIUSI 62-56 (17-16; 30-26; 46-39)

RIMINI: Simoncelli 10, Mladenov 13, Rossi D., Crow 12, Moffa, Rivali 9, Rinaldi 9, Broglia 6, Riva, Fumagalli, Rossi F., Ambrosin 3 Capo All. Bernardi Primo Ass. Brugè

CHIUSI: Criconia 8, Mihaies, Nespolo, Zanini, Berti 6, Bortolin 17, Carenza, Mei 10, Raffaelli 6, Lombardo 3, Minoli 2 Capo All. Bassi Primo Ass. Schiavi Secondo Ass. Semplici

Esce sconfitta dal Palasport Flaminio di Rimini la San Giobbe Chiusi che cede nel recupero della terza giornata della seconda fase 62-56. Rimini conduce fin dal primo quarto, Chiusi tiene botta ma cede allo strappo del terzo periodo. Pur con una rimonta notevole, nonostante le scarse energie, i senesi non riescono a tornare a galla nel finale. Arriva così la prima sconfitta esterna del campionato.

Possessi confusi in avvio e polveri bagnate, ci pensa Mei con una tripla dopo quasi due minuti. Anche la risposta di Rimini è dalla distanza, arriva poi il sorpasso della formazione locale con il piazzato del 5-3. Di nuovo avanti Chiusi con la bomba di Berti prima e poi con l’appoggio di Bortolin su assistenza di Minoli. Rimini accorcia in schiacciata e la partita decolla. Altro sorpasso della Riviera Banca e poi ancora San Giobbe con i liberi di Bortolin. Non si ferma il tabellone, Rimini mette la tripla del 12-10. Giocata pazzesca di Minoli, assist per Bortolin e pari a dodici. I padroni di casa trovano ancora una tripla, a tamponare è Zanini che in arresto firma il 15-14. Ancora il numero undici dei senesi, bravo a lavorare sotto il canestro e a segnare il più uno ospite. Rimini ha l’ultimo possesso e riesce a convertirlo sulla sirena, il quarto si chiude 17-16.

Come nella prima frazione, anche il secondo periodo parte con basse percentuali a canestro. Rimini trova punti in lunetta e va sul più tre. Ancora liberi per i romagnoli che fanno uno su due siglando il massimo vantaggio fino a questo momento. Il break dei locali prosegue con la tripla che segna il 6-0 dei primi tre minuti e mezzo e Bassi è costretto a chiamare tempo. Si sblocca Chiusi con Bortolin, poi Raffaelli trova una tripla in un momento importante, praticamente restituendo il parziale subito. E’ Rimini a interrompere il gioco con un time out, al rientro però è ancora la San Giobbe a trovare la via della retina con Berti che in bello stile firma il nuovo pari a ventitre. Tecnico fischiato a Rimini, Raffaelli in lunetta trasforma, poi Bortolin per il più tre sul 23-26. Spezza la sequenza di canestri senesi la formazione di casa tornando meno uno, poi operando il sorpasso da oltre l’arco con la bomba del 28-26. Rimini sfrutta nuovamente l’ultimo possesso e anche in questo caso trova i due punti che mandano le due squadre alla pausa lunga sul 30-26.

Parte bene Chiusi recuperando in difesa e andando in contropiede con Minoli. Rimini replica subito e ristabilisce il distacco. Bortolin per la San Giobbe e nuova risposta dei locali per il 34-30. Rimini prova a scappare con la tripla del più sette, Chiusi tampona con Bortolin, ma subisce l’aggressività dei padroni di casa che in pochi minuti piazzano un parziale salendo sul più undici. Tempo per Bassi, al rientro ancora altissima pressione di Rimini in difesa e azioni mortifere in attacco. Il distacco si fa pesante con la bomba del 46-32. Lombardo prova a suonare la carica sparando da lontano, Chiusi serra le maglie in difesa e colpisce con Bortolin tornando sotto la decina di svantaggio. In lunetta Raffaelli accorcia ancora a un minuto dall’ultimo intervallo; questa volta è della San Giobbe l’ultimo possesso, ma i ragazzi allenati da Bassi non riescono a incrementare il bottino e il periodo va in archivio 46-39.

Rimini apre le danze dell’ultimo quarto con il piazzato del più nove, la partita si fa dura con le squadre che non si risparmiano. Viene interrotto da una tripla di Rimini il periodo di astinenza in fase di realizzazione, Mei risponde portando i suoi a quarantadue, ma il piazzato dei locali vale il più undici. E’ il turno di Criconia da oltre l’arco, Chiusi sale agli otto di distacco, ma Rimini è brava a trovare canestro e libero aggiuntivo a cinque dalla fine. E’ guerra di tiri da tre, ancora Mei per le speranze chiusine e i locali chiedono time out. Viaggio in lunetta per la San Giobbe, uno su due per Bortolin poi la bomba di Criconia per il meno quattro. Rimini interrompe il buon momento degli avversari con due liberi, Criconia però continua a trovare punti e Chiusi sale 58-54. Ultimi due minuti, Rimini in lunetta torna avanti di sei, Mei ne mette solo uno. Non va l’attacco della San Giobbe, i locali ne approfittano con due liberi e si portano 62-55. Tecnico per Rimini, Berti trasforma, i locali giocano con il cronometro e pur perdendo il possesso non subiscono più canestri. Rimini vince 62-56.