I lavoratori Bassilichi approvano l’accordo sindacati-azienda: il sì ha ottenuto l’87%

Alta adesione per il referendum indetto tra gli occupati dopo l’intesa sottoscritta in Regione

Alta adesione dei lavoratori Bassilichi al referendum per l’approvazione dell’accordo quadro sottoscritto in Regione Toscana tra azienda e sindacato in previsione della suddivisione dell’attuale Bassilichi in tre diverse realtà societarie secondo quanto previsto dal piano aziendale. Tra il totale dei lavoratori del Gruppo Bassilichi Spa i votanti sono stati 678 pari al 79% degli aventi diritto, il SI ha ottenuto 591 voti pari all’ 87,2%, i NO sono stati 85. Nelle due sedi del territorio senese dislocate nel comune di Monteriggioni hanno votato in totale 206 lavoratori dei 254 aventi diritto; hanno espresso parere favorevole 198 votanti pari al 96,2%, i No sono stati 8.

Con grande senso di responsabilità i lavoratori di Bassilichi hanno approvato l’accordo quadro sottoscritto in sede Istituzionale presso la Regione Toscana dall’azienda e dalle categorie sindacali CISL e CGIL di Industria, Commercio e Credito lo scorso 22 maggio. Ora l’obbiettivo del sindacato sarà quello di gestire la fase nella quale Bassilichi procederà, secondo i propri programmi, con la cessione di ramo d’azienda del back office verso la nuova società B.Services del Gruppo Ausilia, per la quale Bassilichi Spa ha già avviato le procedure venerdì 25 maggio. La B.Services sarà composta da un totale di 235 lavoratori dei quali 123 verranno impiegati nella sede di Pian del Casone nel comune di Monteriggioni, i rimanenti rispetto al totale faranno parte di altre sedi dislocate sul territorio nazionale, una delle quali a Firenze. Di comune accordo con la Regione Toscana, la quale ha svolto un ruolo di mediazione importante tra azienda e sindacato durante tutta la vertenza, andrà da subito monitorato la messa in atto di tutti i punti facenti parte dell’accordo; in particolare la gestione delle 100 uscite volontarie incentivate, l’eventuale futura creazione di una newco che comprenderà le attività dell’Interaction Center e che riguarderà nella totalità 252 lavoratori dei quali 95 sulla sede della Tognazza nel comune di Monreriggioni, oltre a salvaguardare i lavoratori che rimarranno nell’attuale Bassilichi Spa e quindi all’interno del perimetro Nexi.

“Questo accordo –dichiara Luciano Landini Segretario della Fim Cisl Siena – è un punto di partenza, ha al suo interno le garanzie per i livelli occupazionali e territoriali fino a tutto il 2019. Ovviamente in prospettiva sarà fondamentale da parte di Bassilichi, della capogruppo Nexi e anche della nuova società B.Services del Gruppo Ausilia, rafforzare le attuali attività e incrementare le commesse di lavoro per garantire continuità e sviluppo a quanto previsto nell’accordo sottoscritto in Regione”.

Errebian
Estra
All Clean Sanex
Electronic Flare
Terre Cablate
Centro Farc
Siena Bureau
Europa Due