Maxi sequestro a noto imprenditore senese, gli ultimi sviluppi

I legali stanno valutando le carte, l’ipotesi di accusa della Procura è di evasione fiscale. C’è il massimo riserbo sul caso

Ha destato clamore e curiosità in città il caso del sequestro da 5 milioni di euro avvenuto nelle scorse settimane a danno di un notissimo imprenditore locale, e la contestuale ipotesi di reato di evasione fiscale formulata dalla Procura di Siena (LEGGI QUI: https://www.radiosienatv.it/evasione-fiscale-noto-imprenditore-senese-nel-mirino-della-procura).  Tante le voci che stanno rincorrendo, per una vicenda sviluppatasi sottotraccia e nel massimo riserbo, ma che potrebbe avere ripercussioni non di poco conto in campo politico. 

A guidare l’indagine è il Procuratore Capo della Repubblica Salvatore Vitello, coadiuvato dal sostituto procuratore Niccolò Ludovici. L’azione di Guardia di Finanza e Magistratura si è concentrata su alcune sospette fatturazioni infragruppo intercorse tra alcune società riferibili all’azienda del soggetto indagato, un nome assolutamente prestigioso e altisonante, anche a livello nazionale e internazionale, nel campo dell’agroalimentare di eccellenza.

I legali di fiducia nominati dall’imprenditore, Enrico e Lorenzo De Martino, stanno studiando le carte e la situazione dopo aver ricevuto il decreto conclusivo al maxi sequestro operato dalla polizia tributaria; secondo quanto filtra, il complesso delle operazioni sotto la lente di ingrandimento dei magistrati non sarebbe al centro di un vero e proprio artificio volto all’elusione fiscale, tanto che gli avvocati stanno valutando se appellarsi al tribunale del riesame in opposizione al sequestro dei beni.

Claudio Coli

Electronic Flare
Estra
Centro Farc
Terre Cablate
Siena Bureau
Europa Due