Ripescaggi, Perinetti a Siena Tv: “Giusto che Gravina abbia lo scettro del comando. Attendiamo fiduciosi”

Balletto dei ripescaggi e delle riammissioni, il punto del ds bianconero: "Attendiamo con fiducia, certi di aver fatto il massimo per poter ottenere l'iscrizione al campionato superiore"

Intervistato nel corso di “Bianconeri in Ritiro” in onda su Siena Tv, il diesse dei bianconeri Giorgio Perinetti ha commentato i recenti sviluppi circa il tema dei ripescaggi e riammissioni. Il Consiglio Federale della Figc ha dato delega al presidente, Gabriele Gravina, e ai presidenti delle componenti per le riammissione e i ripescaggi in B e C in seguito al rigetto dei ricorsi del Collegio di Garanzia del Coni per Chievo, Carpi, Novara, Casertana e Samb. “Non conoscendo le motivazioni del Collegio abbiamo deciso di aspettare – ha dichiarato Gravina nella conferenza stampa post Consiglio Federale – ci sembrava giusto ed opportuno aspettare il 2 agosto per la concessione delle licenze nazionali”. La situazione del Siena e delle altre pretendenti a subentrare resta al momento sospesa.

“C’è stato un errore di comunicazione – ha detto Perinetti – il rinvio non è legato al fatto di temere il Tar, è stato escluso. Gravina è l’uomo guida del calcio, meritatamente, visto il lavoro fatto e la vittoria degli Europei, un risultato che gli ha dato più forza, poi ha ottimi rapporti con le istituzioni politiche. E’ giusto che abbia lo scettro del comando. Ha chiesto di poter verificare alcune situazioni prima di ufficializzare i ripescaggi e le riammissioni. Lasciamo il tempo che deve e attendiamo con fiducia, certi di aver fatto il massimo per poter ottenere l’iscrizione al campionato superiore”.