Truffa migranti, M5s Sovicille: “Nel 2016 denunciammo questo flusso continuo di persone”

“Perché’ i nostri amministratori, che conoscono bene il territorio, le strutture e anche chi sono queste cooperative, non hanno mai attivato alcun tipo di controllo?”

Sul caso truffa dei migranti nel senese si  è espresso anche il M5s di Sovicille, uno dei Comuni dove si trovano i centri di accoglienza nel mirino di guardia di finanza e magistratura: “In tempi ancora non sospetti (2016) avevamo chiesto con un’interrogazione all’amministrazione ,​  diverse informazioni su chi gestiva e come questo flusso continuo di migranti nel nostro territorio. La risposta ricevuta riportava i nomi proprio di quelle cooperative e di quelle strutture coinvolte nell’indagine di cui siamo venuti a conoscenza ieri sulla stampa locale. Posto che come tutti sappiamo i bandi sono gestiti dalla Prefettura o dalla Regione, ci parrebbe scontato, prima di ammettere queste cooperative alla partecipazione del bando per la gestione dei migranti, che controllassero, se queste hanno quantomeno i requisiti legali, magari anche con il coordinamento della Guardia di Finanza. Purtroppo, come M5S, anche a livello nazionale, l’esperienza di Mafia Capitale ci ha insegnato che dietro la gestione dei migranti c’è chi ci lucra e anche a  Sov​icille a quanto pare è’ andata proprio così”.

“Ci chiediamo però, perché’ i nostri amministratori, che conoscono bene il territorio, le strutture e anche chi sono queste cooperative, non hanno mai attivato alcun tipo di controllo, dato che gestiscono i nostri soldi? Ma nemmeno sollecitati da interrogazioni come la nostra si pongono domande e magari si attivano per controllare che, sul proprio territorio, tutto si svolga secondo la legge? Proprio come è’ già successo per la gestione dei rifiuti in Ato Sud, l’amministrazione comunale ancora una volta si è fatta anticipare dalla Magistratura e dalla Guardia di Finanza, che, ringraziamo per il lavoro svolto e per aver riportato la legalità nel nostro territorio. Sappiamo che sono numerose in tutta la regione le segnalazioni da parte di consiglieri comunali del M5S, quindi, purtroppo sospettiamo che questo modus operandi sia diffuso, per questo, per arrivare ad un vero cambiamento nel nostro Parse, continueremo a vigilare su tutto il territorio anche con l’appoggio dei nostri consiglieri regionali e dei nostri eletti in Parlamento.
Ci duole dover affermare ancora una volta che il PD e la sua politica hanno fallito”.
Lusini Gas
Estra
Cotas Radio Taxi
Electronic Flare
Europa Due
Siena Motori
Terre Cablate
Siena Bureau
Chianti Banca
Centro Farc