Home Di cosa parlare a cena Un cerchio di esultanza: il Siena vince con gol di D’Auria e tanta sostanza

Un cerchio di esultanza: il Siena vince con gol di D’Auria e tanta sostanza

0
0
Advertisements

 

Il bellissimo gol del numero 20 regala un successo attesissimo contro il Como in inferiorità numerica dal primo tempo. Significativo il momento dell’esultanza con i calciatori raccolti, in cerchio, in un abbraccio

Quasi una danza della vittoria. Forse di più: un modo per scaricare la tensione. Era troppo importante vincere oggi tra le mura amiche. Il Siena fa gol e poi si raccoglie in un abbraccio: un momento di felicità sportiva che racconta, più di tutto, la gran voglia di questi ragazzi di portare a casa 3 punti al Franchi.

Eroe della serata il napoletano D’Auria che con un tiro preciso e graffiante rompe gli equilibri e dona un sorriso a mister Dal Canto oggi squalificato. Sorride anche Belmonte all’esordio in panchina. Il Como, mai domo, si arrende dimostrando capacità tecniche e voglia di non mollare anche in 10 uomini.

Solito 4-3-1-2 per la Robur. Arrigoni è il regista: Gerli in panchina. Non succede molto fino al minuto 19: secondo fallo di Peli su Cesarini che viene espulso per somma di ammonizioni. Como in inferiorità numerica.  Al 21’ primo squillo Robur. Arrigoni, ben servito da D’Auria, prova la botta da fuori: di poco al lato.  Risposta ospite affidata a Miracoli che, su punizione dalla distanza, tira largo alla destra di Confente. Dalla panchina arrivano disposizioni: il Siena che aveva iniziato con un 4-3-1-2,  va a schierarsi con un 4-4-2 che diventa un autentico 4-2-4 in fase di attacco con Serrotti e D’Auria molto larghi sugli esterni. Occasionissima Como al 41’ con Gabrielloni che si fa ipnotizzare dall’ottimo Confente che respinge in uscita. Sostituzione Siena: fuori Cesarini, toccato duro, dentro Guberti fresco papà per la terza volta.

Seconda frazione

Pronti via e lampo di Serrotti che mette al centro una palla preziosa. Nessuno all’appuntamento con il gol. Al 14’, sugli sviluppi di un angolo, D’Ambrosio mette fuori da ottima posizione. Al 16’ l’invenzione di D’Auria: gran tiro di destro, nulla da fare per Facchin. Il Como prova subito a reagire ma è ancora il Siena che potrebbe far male. Su invito di Guberti, tocca al volo di Guidone: palo pieno. Non succede molto altro: è tempo di iniziare la danza.

Giuseppe Saponaro

ROBUR SIENA: Confente, Migliorelli, Arrigoni( 41′ st Gerli), D’Ambrosio, Serrotti, Cesarini (41’pt Guberti), Baroni, D’Auria, Vassallo (41′ st Da Silva), Guidone (33′ st Polidori), Lombardo. All. Belmonte. A disp. Ferrari, Ortolini, Campagnacci, Gerli, Oukhadda, Polidori, Da Silva, Andreoli, Buschiazzo, Panizzi, Setola.

COMO: Facchin, Solini (20’st De Nuzzo), Bovolon, Iovine, Peli, Gabrielloni, Crescenzi, Bellemo, Raggio Garibaldi (37′ st Celeghin), Marano, Miracoli (28’st H’Maidat). All. Banchini. A disp. Zanotti, Ferrazzo, Celeghin, Bolchini, Sbardella, Bianconi.

Arbitro: Luca Angelucci (Foligno). Assistenti: Michele Somma (Castellammare di Stabia) e Francesco D’Apice (Castellammare di Stabia)

Marcatori: 17’st D’Auria

Ammoniti: Vassallo, Peli

Espulsi: Peli

Note: 1971 abbonati, 565 paganti (111 ospiti) 16800 euro incasso (compresa quota abbonati)