Verso le Europee, Nardella punta sulla tutela dei centri storici: contenimento degli affitti turistici e maggiore residenzialità

Nardella intende proporre una direttiva comunitaria per la tutela dei centri storici anche per sopperire alla mancanza di una legge italiana in difesa delle città d'arte

Di Redazione | 25 Maggio 2024 alle 20:18

Uno degli aspetti a cui tiene particolarmente l’attuale sindaco di Firenze Dario Nardella, candidato del Pd alle prossime elezioni Europee, è portare in Europa la battaglia a tutela dei centri storici e il contrasto della perdita di identità delle città d’arte che come Siena sono toccate da un turismo battente e a volte caotico. Per questo le idee del candidato alle Europee con il Partito Democratico sono chiare: proporre una direttiva comunitaria per la tutela dei centri storici anche per sopperire alla mancanza di una legge italiana in difesa delle città d’arte.

“Manca una legge nazonale, c’è una inerzia imperdonabile da parte della Meloni e della Santanchè che non hanno fatto nulla per i centri storici delle città d’arte – tuona Nardella – come parlamentare europeo mi impegnerò a proporre alla commissione europea una direttiva comunitaria per la tutela dei centri storici e del commercio tradizionale, per dare ai sindaci strumenti atti al contenimento degli affitti turistici brevi a favore di maggiore residenzialità, è la prima cosa che farò – assicura -Come presidente Eurocities abbiamo raccolto numerosi imput da molte città europee che condividono i problemi di Siena e Firenze, negli altri paesi è consentito ai sindaci di tamponare il problema, in Italia no quindi serve una strategia europea” ha concluso.



Articoli correlati

Exit mobile version