Aou Senese: nuovo punto vaccinale, ogni giorno fino a 600 somministrazioni

L'azienda ospedaliera senese aumenterà la capacità di vaccinazione quotidiana portandola da circa 400 somministrazioni a 600 grazie all’attivazione di un nuovo punto vaccinale, allestito nel centro trasfusionale del lotto I

Potenziata la capacità vaccinale dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Per supportare la campagna di vaccinazioni regionale, l’Aou Senese aumenterà la capacità di vaccinazione quotidiana portandola da circa 400 somministrazioni a 600 grazie all’attivazione di un nuovo punto vaccinale, allestito nel centro trasfusionale del lotto I. Saranno vaccinati non solo pazienti fragili e professionisti sanitari ma anche i cittadini in base alla classi di età definite dalla Regione Toscana.

“Stiamo facendo il massimo per supportare la campagna vaccinale regionale – spiega il professor Antonio Barretta, direttore generale Aou Senese – e aumentare il numero delle vaccinazioni effettuate. Accelerare e potenziare le fasi della campagna vaccinale sono il presupposto indispensabile per dare avvio al graduale e delicato processo di riapertura delle attività del nostro Paese. Un sistema di vaccinazione più ampio e complesso – prosegue Barretta – richiede anche un grande coinvolgimento di risorse strutturali e umane e, da parte dei nostri professionisti, c’è grande impegno e c’è stata una pronta risposta e partecipazione per garantire le presenze in turno necessarie al potenziamento delle vaccinazioni”.

I centri vaccinali dell’ospedale Santa Maria alle Scotte saranno quindi due: il centro vaccini attivo nell’area dell’ex Pronto Soccorso, aperto dalle ore 7:30 alle 21:30, tutti i giorni, compresi i festivi e il centro vaccini attivo presso il centro trasfusionale, operativo dalle ore 14:00 alle 21:00, in modo da non interferire con le attività di donazione del sangue che vengono effettuate la mattina, aperto tutti i giorni, compresi i festivi. All’Aou Senese sono state effettuate ad oggi in totale 31.113 vaccinazioni, di cui 10.220 prime dosi per i sanitari, 9.796 seconde dosi per i sanitari, 7.443 prime dosi per i pazienti fragili e 3.654 seconde dosi per i pazienti fragili.