Arrestato dopo inseguimento sull’A1 un 36enne di Sinalunga

Non si è fermato all'alt degli agenti di Polizia Stradale ma è stato bloccato dopo un breve inseguimento: trasportava cinque panetti di droga

Un 36enne di Sinalunga è stato arrestato dalla Polizia Stradale di Arezzo durante il weekend sulla A1, all’altezza dell’area di servizio di Lucignano nord. Gli agenti lo hanno beccato con mezzo chilo di hashish, e messo in manette dopo un breve inseguimento, visto che l’uomo non si era fermato allo stop intimato dalle forze dell’ordine. Erano circa le 15,30 di sabato quando una pattuglia della sottosezione di Battifolle, ha deciso di fermare per un controllo una Opel Karl con targa italiana e con una sola persona a bordo.

Il conducente prima ha fatto finta di fermarsi al casello di Valdichiana, poi ha tentato la fuga tirando diritto. E’ scattato immediatamente l’inseguimento e, stretto al guardrail di destra, è stato costretto a fermarsi 5 km dopo. Date le risposte poco convincenti fornite alle richieste degli agenti, è stata eseguita una perquisizione veicolare dalla quale, sotto il sedile di guida, sono spuntati fuori cinque panetti contenenti 500 grammi di hashish.

Gli stessi agenti, in contatto con la Procura di Arezzo, informata dei fatti, hanno effettuato una perquisizione domiciliare presso l’abitazione del 36enne. Il giovane, senza occupazione e risultato essere appena scarcerato per reati legati a violenze in ambito familiare, stava tornando da Roma, dove – ipotizzano gli investigatori – era andato per rifornirsi. E’  stato così arrestato e associato al carcere di Sollicciano di Firenze. L’auto e la droga, che avrebbe fruttato sul mercato dello spaccio almeno 5mila euro, sono stati sequestrati.