Banca Centro Toscana-Umbria: approvato il bilancio 2020

Raccolta superiore a 2,15 miliardi, erogazioni per oltre 175 milioni di euro

Si è svolta il 4 maggio l’assemblea dei soci di Banca Centro Credito Cooperativo Toscana-Umbria per l’approvazione del bilancio 2020 e la nomina di due consiglieri. In ragione dell’emergenza epidemiologica da “COVID-19” l’Assemblea si è tenuta, per il secondo anno consecutivo, senza la presenza fisica dei soci, ma esclusivamente tramite il conferimento di delega e relative istruzioni di voto al Rappresentante Designato: oltre 1100 soci hanno approvato il bilancio presentato dal presidente Carmelo Campagna.

Nonostante gli effetti economici correlati alla pandemia l’utile a fine 2020 risultava superiore ad un milione di euro, in crescita anche la raccolta totale – che si attesta ad oltre 2,15 miliardi di euro-, mentre le erogazioni di nuovo credito ammontano a oltre 175 milioni di euro. Infine uno sguardo agli indicatori patrimoniali che si mantengono nelle medie alte del sistema in linea con il piano industriale e i parametri del Gruppo Bancario Iccrea di cui Banca Centro Toscana-Umbria fa parte. Il presidente Campagna, subentrato dal 1 gennaio 2021 all’ex presidente Palmiro Giovagnola, ha ringraziato il suo predecessore per il contributo dato in questo primo anno di attività di Banca Centro e tutto il personale per i risultati ottenuti nell’anno 2020.

«Banca Centro Toscana –Umbria ha garantito ulteriore sviluppo delle comunità locali e creato valore aggiunto per i soci e clienti rispondendo in modo organico e sollecito ai nuovi bisogni delle famiglie e delle aziende travolte dalla pandemia da Covid-19 – ha commentato Campagna -. Una circostanza tanto inaspettata quanto drammatica alla quale la Banca ha risposto adottando tutte le misure necessarie per garantire la continuità operativa nel rispetto della sicurezza del personale e dei clienti e sostenendo immediatamente le comunità di riferimento con tutti gli strumenti necessari: abbiamo messo a disposizione 70 milioni di euro di plafond erogando oltre 43 milioni di euro di finanziamenti fino a 30.000 euro e sospendendo più di 4.500 mutui. A questo – ha concluso il presidente – va sommato l’importante contributo economico alle realtà sanitarie di Toscana e Umbria impegnate in prima linea contro la pandemia».

Il presidente Campagna ha infine ha voluto rivolgere un pensiero a tutti i soci che sono venuti a mancare ai loro cari, in modo particolare a quelli che scomparsi a causa della pandemia. L’assemblea dei soci ha anche nominato due nuovi amministratori, già cooptati in seguito alle dimissioni per motivi personali di altrettanti esponenti avvenute nel corso del 2020: si tratta di Cristian Giardini e Roberto Paolini.