Bravìo delle Botti: domenica 27 settembre si chiude l’anno contradaiolo

Domenica 27 settembre verrà celebrata la chiusura dell'anno contradaiolo, in una formula rivisitata per l'occasione, a sancire il grande impegno di tutta la comunità poliziana nel garantire comunque un'edizione del Bravìo delle Botti

L’edizione 2020 del Bravìo delle Botti verrà ricordata per la sua particolarità: un cerimoniale rinnovato e adattato alla situazione di emergenza sanitaria che stiamo vivendo, ma che ha messo al primo posto la socialità e il senso di comunità che ha permesso alle strade di Montepulciano di riempirsi ugualmente dei colori delle contrade. Per questo motivo domenica 27 settembre verrà celebrata la chiusura dell’anno contradaiolo, in una  formula rivisitata per l’occasione, a sancire il grande impegno di tutta la comunità poliziana nel garantire comunque un’edizione del Bravìo delle Botti.

La giornata di domenica 27 si aprirà alle ore 11 con la celebrazione della santa messa presso il santuario di S.Agnese, alla presenza dei rettori e degli alfieri delle contrade. Proseguirà poi alle ore 17 al Teatro Poliziano, con la cerimonia di consegna del premio “Bravìo nel Cuore” e dei premi Trabalzini, destinati ai migliori sbandieratori e tamburini delle contrade che si sono esibiti in Piazza Grande lo scorso 30 agosto.

Per motivi sanitari, l’evento al Teatro Poliziano sarà chiuso al pubblico: l’accesso sarà consentito soltanto ai rettori delle contrade, ai quartetti di sbandieratori e tamburini, ai responsabili del Magistrato e a un numero ristretto di nominativi indicato da ciascuna contrada.