Castelnuovo Berardenga, guida per una corretta raccolta dei rifiuti agli studenti

"Chi sporcava si trattenga": la distribuzione ha preso il via con la consegna simbolica del sindaco Fabrizio Nepi alla Dirigente Scolastica Maria Antonia Manetta

A Castelnuovo Berardenga le buone pratiche per una corretta gestione dei rifiuti si imparano fin da piccoli. Ieri, mercoledì 26 maggio, ha preso il via la distribuzione nelle scuole di ogni ordine e grado del territorio, dall’infanzia alla secondaria di primo grado, della guida “Castelnuovo Berardenga, chi sporcava si trattenga”, realizzata dal Comune in collaborazione con Sei Toscana per far conoscere da vicino il sistema locale di gestione dei rifiuti e per promuovere una crescente raccolta differenziata. La prima copia è stata consegnata dal sindaco Fabrizio Nepi alla dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo “G. Papini”, Maria Antonia Manetta. La distribuzione nelle scuole, ritardata a causa delle restrizioni da Covid-19, va ad affiancare quella già effettuata lo scorso autunno a tutte le famiglie residenti sul territorio comunale.

La guida “Castelnuovo Berardenga, chi sporcava si trattenga”, realizzata per la prima volta in provincia di Siena, rappresenta un vero e proprio “libro verde del Comune di Castelnuovo Berardenga” per sensibilizzare cittadini, esercizi commerciali e attività produttive sulle buone pratiche ambientali. La guida riprende una campagna ambientale promossa sul territorio castelnovino negli anni Ottanta e presenta la riorganizzazione della raccolta differenziata dei rifiuti sul territorio comunale puntando sulle 4 R: ridurre, riutilizzare, riciclare e recuperare. Attraverso l’opuscolo, è possibile conoscere da vicino le modalità di conferimento rifiuti; come utilizzare correttamente la 6Card, i cassonetti ad accesso controllato e gli ecocompattatori; come accedere e quali rifiuti conferire ai Centri di Raccolta di Pianella e Cornia; come effettuare un corretto compostaggio domestico e come smaltire i rifiuti ingombranti, i Raee (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) e altri rifiuti particolari che potrebbero danneggiare l’ambiente.

“Con la distribuzione della guida nelle scuole – afferma Fabrizio Nepi, sindaco di Castelnuovo Berardenga – abbiamo voluto coinvolgere attivamente nella corretta gestione dei rifiuti anche i nostri cittadini più piccoli, veicoli importanti per le buone pratiche anche in ambito ambientale. La raccolta differenziata e la tutela del nostro ambiente sono un dovere etico e responsabile di cui ognuno deve farsi sostenitore e promotore, pensando ai cittadini di oggi e del futuro”. “Negli ultimi anni – aggiunge Alessandro Maggi, vicesindaco e assessore all’ambiente di Castelnuovo Berardenga – la raccolta differenziata sul nostro territorio è cresciuta grazie all’impegno di tutta la comunità e dobbiamo continuare su questa strada con il contributo e la sensibilità dei cittadini, a partire dai più piccoli, che ringrazio fin da ora per le buone pratiche che sapranno attuare e promuovere nel loro presente e anche in futuro”.