Decoro e aree verdi: i detenuti si riscattano con lavori socialmente utili per Siena

Presentato il progetto “Mi riscatto per Siena”, protocollo d’intesa tra Comune, Ministero della Giustizia, Dap e ufficio di sorveglianza di Siena

E’ stato presentato il progetto “Mi riscatto per Siena” con la firma del protocollo d’intesa tra Comune, Ministero della Giustizia, capo del Dap e ufficio sorveglianza di Siena. Con la firma di questo protocollo alcuni detenuti della casa circondariale di Siena, con specifiche caratteristiche, potranno svolgere attività lavorative extramurarie per la protezione ambientale e per il recupero del decoro di aree verdi e spazi pubblici.

“Un’iniziativa – ha spiegato il sindaco Luigi De Mossi a Siena Tv – per consentire un’attività extra-carceraria ai detenuti della città, dal duplice scopo di favorire la risocializzazione la ricollocazione e rieducazione, spesso i detenuti vivono in ambienti stretti e dove sono inattivi. E la città riceve un aiuto, perchè questi soggetti effettueranno lavori di pubblica utilità, decoro, strade, rifiuti. Iniziativa socialmente importante, volta all’integrazione”.