Denuncia falso furto per truffare l’assicurazione

Denuncia falso furto, rischia il carcere

È finito nei guai F.M.,colligiano classe 1977, commerciante. Denunciato per simulazione di reato e per frode nei confronti della società di assicurazione adesso rischia fino a 5 anni di carcere.

L’uomo aveva denunciato nei giorni scorsi di aver subìto il furto di numerosi e costosissimi accessori dalla propria auto, una fiammante berlina tedesca, acquistata da poche settimane, dopo che aveva lasciato la vettura in sosta in uno dei parcheggi di San Gimignano.

Con dovizia di particolari, l’uomo ha raccontato ai carabinieri di essersi recato a San Gimignano per consumare una cena con amici e di aver quindi lasciato la propria vettura acquistata da poche settimane, in uno dei numerosi parcheggi che si trovano fuori le mura dell’antica cittadina. Con sommo stupore e dispiacere, al termine della cena, nell’accingersi a riprendere il veicolo, l’uomo ha constato –stando sempre al racconto fatto ai carabinieri di San Gimignano-  di aver constatato che ignoti ladri gli avevano rubato i cerchi in lega, i fari allo xeno, il navigatore ed i due paraurti con sensori di parcheggio integrati, con danno per oltre 4mila euro.

In fase di denuncia l’uomo ha quindi aggiunto di essere assicurato contro tali danni ed ha quindi richiesto copia formale della denuncia per attivare le procedure di indennizzo.

Come prassi i carabinieri, dopo la denuncia, hanno svolto le indagini del caso, riscontrando, sin da subito, alcune anomalie nel racconto dell’uomo.

In primis, i carabinieri della locale stazione di San Gimignano, hanno scoperto, con sorpresa, che nessuna cena era stata svolta nel ristorante citato da F.M. in sede di denuncia. Nella sera indicata dall’uomo, infatti, quel ristorane osserva giorno di chiusura per riposo settimanale. Dopo tale anomalia, i carabinieri hanno quindi verificato le altre dichiarazioni dell’uomo, scoprendo che nessuna delle persone citate tra i commensali aveva preso parte ad alcuna cena con il denunciante.

I carabinieri hanno anche acquisito le immagini di alcune  telecamere della zona riuscendo a ricostruire che l’uomo, dopo alcuni passaggi nella periferia della città ed una breve sosta in uno dei parcheggi del posto, aveva ripreso la vettura per destinazione Colle val d’Elsa.

Una volta giunto a Colle l’uomo si è recato presso un’officina meccanica di un amico rimuovendo alcuni accessori e la sostituendo i cerchi in lega dell’auto con quattro cerchi usati in metallo.

A notte fonda quindi, con la vettura parzialmente smontata, si è recato  nuovamente a San Gimignano dove ha parcheggiato la vettura facendosi poi venire a prendere da un amico.

L’indomani mattina quindi, l’uomo ha formalizzato la denuncia fornendo la versione del furto ad opera da ignoti.

I carabinieri quindi, compreso ciò che era realmente accaduto, hanno svolto ulteriori accertamenti scoprendo che subito dopo la denuncia, su un noto sito di aste on-line, erano comparse in vendita le parti asportate dalla vettura dell’uomo, riuscendo a scoprire che il venditore altri non era che  F.M.  il quale, con uno pseudonimo, aveva messo in vendita le parti della macchina di cui aveva denunciato falsamente il furto.

I carabinieri, mediante il profilo privato di un militare, hanno quindi contattato il venditore chiedendo un appuntamento di persona per visionare i pezzi in vendita. Quando i militari, in borghese, si sono presentati all’indirizzo concordato con il venditore, hanno immediatamente riconosciuto F.M.  ed hanno chiesto di visionare gli oggetti in vendita. Dopo aver esaminato il materiale, i militari si sono qualificati ed hanno sequestrato il materiale.

F.M., vistosi così scoperto, ha ammesso candidamente di aver inscenato il furto per rientrare di parte dei soldi spesi per l’acquisto della vettura. Dopo le formalità di rito l’uomo è stato deferito per simulazione di reato e per frode nei confronti della società di assicurazione.

Errebian
Electronic Flare
Estra
All Clean Sanex
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due