Donna di 38 anni morì alle Scotte dopo parto cesareo: 3 medici a processo

La donna morì nel 2019 per delle complicanze, dopo aver dato alla luce una bimba. Tre medici a giudizio, per altri tre chiesta l'archiviazione

Morì a 38anni all’ospedale le Scotte di Siena per le conseguenze di un parto cesareo: tre professionisti del policlinico andranno a processo con l’accusa di omicidio colposo. Il caso, risalente al giugno 2019, riguarda una donna di origini straniere da 15 anni residente nel comune di Castelnuovo Berardenga, che perse la vita al termine di 3 mesi di ricovero ospedaliero, dopo aver dato alla luce una bimba. La famiglia, convinta dell’imperizia del personale medico, si rivolse subito all’autorità giudiziaria per fare chiarezza e da qui scaturì un’indagine che coinvolse prima 5 poi 6 sanitari. A fine maggio si è celebrato l’incidente probatorio alla presenza di tecnici e periti, in cui è emerso che dietro al decesso ci sarebbe stato un ritardo nel trattare un’improvvisa emorragia. Il pm ha così chiesto il rinvio a giudizio per tre sanitari, tra cui un anestesista, mentre per tre cardiologi è stata richiesta l’archiviazione.

Il contenzioso non si esaurirà in ambito penale: la famiglia della mamma scomparsa, assistita dall’avvocato Duccio Panti, pensa infatti a una causa civile nei confronti dell’ospedale. Il marito della defunta vuole andare fino in fondo, come ebbe a spiegare, “per fare in modo che altri genitori non si trovino nella stessa situazione e perché ai nostri giorni, un evento felice e meraviglioso quale quello della nascita di un figlio, non si trasformi in una tragedia di incommensurabile dolore solo per negligenza o superficialità di alcuni medici”.

C.C