Estra: Macrì decade dalla presidenza. Anac: “Non poteva essere nominato”

Lo ha deciso una delibera di Anac: nominato presidente di Estra 12 giorni dopo aver terminato il ruolo di Consigliere comunale ad Arezzo, per legge dovevano passare due anni

Francesco Macrì decade dalla presidenza di Estra. Lo ha stabilito Anac con una delibera, del 10 novembre, che ha stabilito l’inconferibilità della carica di presidente di Estra poichè la nomina al vertice della società nel 2016 è giunta solo 12 giorni dopo la fine del ruolo di Macrì come Consigliere comunale ad Arezzo in quota Fratelli d’Italia, quando invece, secondo una legge valida per i comuni oltre 15mila abitanti, dovevano trascorrere 2 anni, “periodo di raffreddamento”, prima di assumere la presidenza di una società come Estra.

La decisione di Anac sarà impugnata al Tar dallo stesso presidente decaduto che vuole chiedere la sospensiva del procedimento. Macrì non è già più presidente di Estra, col cda ce si riunirà già oggi e ha deciso che il suo incarico è stato surrogato dall’amministratore delegato.