Fratelli d’Italia Siena: “Mps, no alla fusione con Unicredit. Grati al sindaco”

Il coordinamento comunale e provinciale: "Grazie al sindaco di Siena per aver sostenuto le ragioni della città, ora un Consiglio comunale monografico"

Giorni caldi per il futuro di Mps. A prendere posizione è il Coordinamento provinciale e Coordinamento comunale  Siena di Fratelli d’Italia. “La trasferta del Sindaco di Siena a Roma è stata importante, perché per la prima volta si è dato un forte e chiaro messaggio sulla salvaguardia della Banca Mps e di tutela della nostra Città – recita la nota stampa – Già poche settimane fa, Fratelli d’Italia aveva ribadito la necessità di tutelare il territorio, mantenendo a Siena la direzione generale della Banca, salvaguardando i livello occupazionali, ma soprattutto difendendo una storia e una identità. Si perché, volenti o nolenti, MPS è parte della storia e dell’identità di Siena, è un brand che i senesi hanno creato e sostenuto, è imprescindibile dalla Città e  non solo per una questione economica o occupazionale. E’ importante non disperdere il nome prestigioso dell’Istituto bancario. Condividiamo la preoccupazione del Primo Cittadino che, alcuni giorni fa, riferiva di un’ accelerazione fortissima sulla questione della fusione”.

“Varie sono le ipotesi sul futuro e sul destino della Banca; noi abbiamo espresso a chiare lettere la nostra  preoccupazione e contrarietà per il rinnovato interesse del Pd per Banca Monte dei Paschi – prosegue Fratelli d’Italia – L’esponente PD Padoan è stato chiamato a ricoprire il ruolo di Presidente di Unicredit al solo scopo di incorporare Banca MPS, oggi proprietà dello Stato Italiano col Tesoro che ne detiene il 64% delle azioni. Siamo fermamente contrari a questa operazione che sancirebbe la fine di Banca MPS, con ulteriori migliaia di licenziamenti che andrebbero interessare moltissimi nostri concittadini. Non ci rassegniamo assolutamente a questo scenario e cercheremo di scongiurarlo in tutte le sedi possibili. E’ opportuno dare un messaggio forte ed unitario, per questo chiediamo la convocazione di un consiglio comunale e provinciale monotematico su MPS e presenteremo un ordine del giorno in tutti i consigli comunali dei Comuni della Provincia di Siena; chiederemo ai nostri parlamentari un’azione altrettanto incisiva”.

“Scontiamo a caro prezzo, è il caso di dirlo, una visione tecnocratica dell’Europa delle banche che non ha a cuore il territorio né i risparmiatori, men che meno italiani. Come ha ricordato Giorgia Meloni, l’Europa così come è non funziona, è giunto il momento di rimettere gli Stati membri al centro dell’Unione Europea, rimodellando l’UE in una coalizione di Stati nazionali sovrani; sulla vicenda Mps, le parole del nostro Presidente Nazionale trovano una eloquente conferma” conclude FdI.