“Hanno arrestato tuo figlio, servono soldi”: si finge avvocato per truffare un’anziana

Tentata truffa ad una 85enne a Siena, arriva la Polizia

Si finge avvocato e si presenta da un’anziana chiedendo soldi per rilasciare il figlio arrestato: la signora non è caduta nel tranello chiamando la Polizia.

Nella mattinata di martedì a Siena gli Agenti delle Volanti e della Squadra Mobile sono intervenuti nell’abitazione di un’anziana donna 85enne che, poco prima, è stata contattata telefonicamente da un uomo. Che qualificatosi come un avvocato, le ha riferito di averla chiamata per cercare di fornire aiuto al figlio della donna, arrestato a seguito di un incidente stradale.

Dopo aver provocato nella donna un fondato timore per la salute e per lo stato di arresto del figlio, il finto avvocato le ha chiesto la pronta disponibilità di una cospicua somma di denaro, che sarebbe servita per coprire le spese della pratica per il rilascio del figlio, denaro che poi, un presunto appartenente alle forze dell’ordine, sarebbe passato a ritirare direttamente a casa dell’anziana.

La donna, pur turbata, ha comunque nutrito il sospetto di una situazione anomala. E’ riuscita a mettersi in contatto col figlio che, avuta certezza del tentativo di truffa, ha richiesto, tramite la Sala Operativa della Questura, l’intervento degli agenti della Polizia di Stato di Siena, che hanno così posto fine all’azione delittuosa che ignoti malfattori hanno cercato di mettere in atto.