La Finanza sequestra 8,5milioni di euro e supervilla a imprenditore di elettrodomestici

Maxi sequestro ad imprenditore di 85 anni

Un maxisequestro di beni per un valore di 8 milioni e mezzo di euro; è stato eseguito questa mattina dalla Guardia di Finanza di Pistoia in esecuzione di una misura di prevenzione patrimoniale antimafia disposta dal Tribunale di Pistoia (giudice Luca Gaspari) su richiesta del procuratore della Repubblica Paolo Canessa. E tra gli immobili sequestrati anche alcuni nella provincia di Siena.

Si tratta di beni mobili e immobili riconducibili a un imprenditore del settore degli elettrodomestici residente in provincia di Pistoia, in totale 39 immobili ubicati nelle province di Pistoia, Prato, Firenze e Siena, tra i quali una villa di 31 vani con piscina e parco privato, nonché partecipazioni societarie per oltre 200mila euro.

L’85enne, V.L., capostipite della famiglia, già imprenditore leader nella produzione di elettrodomestici, è stato più volte denunciato da varie autorità giudiziarie per una serie di reati di tipo fiscale e fallimentare. L’ingente patrimonio, posseduto anche attraverso società schermo di diritto estero, non ha trovato completa giustificazione nella sua posizione reddituale né tantomeno in quella dei suoi familiari. Il patrimonio sequestrato, che è stato ritenuto frutto delle condotte illecite perpetrate nel corso del tempo, ha evidenziato l’esistenza di una notevole sproporzione tra i redditi dichiarati e il valore dei beni nell’effettiva disponibilità della famiglia oggetto di indagine da parte delle Fiamme gialle pistoiesi.