La San Giobbe Chiusi batte Rieti nell’ultima amichevole prima della Supercoppa

Venerdì l'esordio ufficiale in stagione a Capo d'Orlando

Secondo impegno amichevole per la San Giobbe Chiusi, in campo a Porano, in provincia di Terni, contro Npc Rieti, formazione iscritta al campionato di Serie B. Il test, giocato in terra umbra per il rapporto di collaborazione tra la formazione lacustre e Orvieto Basket, ha fornito altri spunti utili a Coach Bassi in vista dell’imminente impegno in Supercoppa contro Capo d’Orlando. Quattro i quarti disputati con punteggi rispettivi di 19-14, 26-17, 17-20, 13-13 per un complessivo che ha visto la San Giobbe superare Rieti per 75-64. Quella di Porano è stata l’occasione per dare continuità alla buona prova fornita nella serata di venerdì 3 settembre a Sansepolcro contro Ravenna e per concedere minutaggio a tutto il roster biancorosso. Non convocato, ma presente in tribuna, l’ultimo arrivato di casa San Giobbe, Lester Medford. Per il play statunitense previsto un avvicinamento graduale al parquet; obiettivo la convocazione per la trasferta siciliana, nella quale dovrebbe scendere in campo per qualche minuto con la canotta dei bulls chiusini.

“Nessuno si è fatto male e questo, senza dubbio, è l’aspetto più importante – le dichiarazione di Coach Bassi. Venivamo da tre giorni di allenamenti durissimi; oggi la squadra era oggettivamente molto stanca, abbiamo provato a dare quello che avevamo facendo le nostre cose. Forse a livello tecnico un passo indietro, ma veramente mancavamo di condizione, senza dimenticare che giocavamo contro un’ottima squadra. Andiamo avanti nel nostro processo di crescita, Wilson è sempre più dentro le rotazioni, da domani finalmente anche Medford si allenerà con la squadra. Speriamo di potergli dare qualche minuto già a Capo d’Orlando”.