La solidarietà diventa pizza. “Sotto il Ponte” una pizza in sospeso per medici e infermieri

Ogni ordine potrà lasciare una somma in un piccolo fondo che andrà poi a coprire gli ordini che arriveranno dal Policlinico Le Scotte

Lasciare una pizza in sospeso, un modo pratico per aiutare medici e infermieri che da giorni lottano contro l’emergenza coronavirus. E’ l’idea nata nelle scorse ore alla pizzeria “Sotto il Ponte”: ogni cittadino potrà infatti lasciare una somma in un piccolo fondo che andrà poi a coprire gli ordini che arriveranno dal Policlinico Le Scotte. Un modo, si legge nella pagina Facebook della pizzeria, “per provare a trasformare in pizza la vostra solidarietà”.

“Già da ieri sera chi ha prenotato le pizze a casa, quando gliele abbiamo portate a domicilio, ha pagato le proprie pizze ed ha lasciato 5, 10, anche 20 euro in sospeso per offrire poi le pizze all’ospedale – spiega il titolare della pizzeria Sotto il ponte Lorenzo Monciatti – Noi attendiamo gli ordini dall’ospedale e da quelli scaliamo i soldi offerti da chi ha voluto lasciare il contributo. In più noi come pizzeria contribuiamo offrendo da bere”.

 

“L’idea è stata avanzata dalla cugina della mia ragazza – continua Monciatti – è partita ieri e staremo a vedere come si sviluppa. C’è già chi mi ha chiesto anche l’iban perché vuole contribuire, per ora però non volevo arrivare a questo. E’ solamente un bel pensiero in momenti così brutti e per aiutare medici e infermieri all’ospedale. C’è già chi ha fatto donazioni e cose più importanti, questa è una cosa soltanto per regalare un sorriso e cenare con una bella pizza”.