La truffa del bancomat arriva a Siena. La vittima è una donna di 75 anni di San Casciano dei Bagni

Fingevano di voler comprare l’auto messa in vendita dalla vittima, per poi rubarle il denaro. Deferiti tre truffatori residenti a Modena

Una signora settantacinquenne di San Casciano dei Bagni, che voleva vendere la propria auto su internet, è stata contattata da tre soggetti, due uomini ed una donna con precedenti per truffa, con la scusa di volerla acquistare.

Il piano prevedeva una serie di telefonate volte a dimostrare l’interesse per l’acquisto ad un prezzo anche superiore al valore reale e la disponibilità a versare immediatamente una caparra per bloccare l’affare. Per portare a termine il raggiro, però, la signora doveva raggiungere uno sportello bancomat in modo, a detta loro, di poterle versare i 3mila euro di anticipo. I malfattori, residenti a Modena, hanno iniziato l’opera di convincimento.

La donna, inizialmente restia a farlo, è stata convinta dalla telefonata di un complice che si è finto il direttore di un ufficio postale e che si è mostrato disponibile a spiegarle come poter ricaricare la propria carta postamat. Al termine dell’operazione la donna si accorge che invece di aver ricaricato la propria carta ha ricaricato di alcune centinaia di euro quella del truffatore.

Le indagini complesse e articolate si sono protratte per alcune settimane alla fine delle quali sono stati deferiti i colpevoli per il reato di truffa aggravata e continuata in concorso.
I soggetti sono veri e propri professionisti del settore su cui hanno operato quasi in contemporanea altri Comandi Arma in tutta Italia

Errebian
All Clean Sanex
Estra
Electronic Flare
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due