Maltempo, presentati i piani neve e gelo per le linee ferroviarie e per le emergenze elettriche

Approntati i dispositivi di Rete Ferroviaria Italiana e di E-Distribuzione

Un piano operativo per gestire al meglio la circolazione ferroviaria in caso di criticità legate alle condizioni meteo avverse, in particolare a situazioni di neve e gelo. Il “Piano Neve e Gelo”, presentato ieri da Rete Ferroviaria Italiana alla Regione Toscana è attivo per la stagione invernale 2019/20. Partendo da un’analisi approfondita delle criticità gestite in seguito agli eventi meteorologici che hanno colpito la Toscana negli scorsi inverni, sono previste una serie di attività preventive che consistono nei controlli straordinari dello stato di funzionamento degli scambi nelle stazioni e delle apparecchiature che ne consentono il riscaldamento, la lubrificazione periodica delle linee di alimentazione elettrica con liquido antigelo, il taglio della vegetazione potenzialmente critica, la programmazione di speciali circolazioni di treni per rimozione del ghiaccio che si forma sulle linee elettriche, lo spargimento di sale sui marciapiedi di stazione e la vigilanza specifica del personale che sarà chiamato a intervenire sull’infrastruttura.

Il piano sarà articolato in varie fasi sulla base delle previsioni del Bollettino Meteo della Protezione Civile a partire dal giorno precedente la dichiarazione di allerta. Il documento presentato prevede anche una possibile riduzione dei treni in circolazione, programmata e annunciata il giorno precedente la dichiarazione di allerta, in stretta relazione all’andamento delle condizioni meteorologiche, oltre a specifiche misure tecniche e organizzative per garantire la regolarità del servizio ripianificato,  per preservare l’efficienza dei mezzi e il regolare funzionamento dei sistemi di sicurezza.

La riduzione dell’offerta, attuata sulla base degli aggiornamenti del Bollettino Meteo della Protezione Civile nazionale e regionale, e del continuo monitoraggio sia delle previsioni meteo sia delle condizioni oggettive (quantità delle precipitazioni nevose, diminuzione delle temperature) produrrà una rimodulazione dei flussi in transito sulle linee e nei nodi, definita da una task force centrale/territoriale di RFI, tale da assicurare la continuità in sicurezza della mobilità ferroviaria, unita a un’adeguata regolarità della circolazione. I programmi di circolazione preventivamente pianificati prevedono una riduzione del servizio pari a circa il 30 per cento in caso di un livello di allerta gialla. Le riduzioni salgono al 50 % nei casi di allerta arancione fino alla sospensione dei servizi in caso di particolari condizioni nevose o di gelicidio incompatibili con la circolazione ferroviaria (allerta rossa).

Non solo neve e gelo. Si è svolto ieri presso la Prefettura di Siena l’incontro presieduto dalla responsabile del Servizio di Protezione Civile, Difesa Civile e Coordinamento del Soccorso Pubblico Claudia Favaccio con E-Distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete elettrica di media e bassa tensione, per l’approfondimento annuale sul tema della gestione delle emergenze e delle azioni congiunte per garantire sicurezza e qualità del servizio elettrico sul territorio senese.

Alla riunione per E-Distribuzione erano presenti il responsabile della “Zona Arezzo, Siena, Grosseto” Roberto Gelli, il capo unità programmazione e gestione rete della stessa Zona Massimiliano Silvestri, il capo Unità Operativa di Siena Massimiliano Papanti e il capo Unità operativa di Cortona Montepulciano Alfio Perugini.

Il tavolo è stato l’occasione per presentare il “Piano Inverno” di E-Distribuzione, predisposto per fronteggiare emergenze legate a perturbazioni particolarmente intense, diventate sempre più frequenti nel corso degli ultimi anni, con una serie di attività e procedure operative volte a prevenire e a gestire in maniera rapida ed efficace le possibili conseguenze sulle linee elettriche di questi fenomeni meteorologici. I rappresentanti di E-Distribuzione hanno inoltre illustrato l’attività svolta per il monitoraggio del sistema elettrico territoriale, ricordando che negli ultimi due anni i circa 2.500 km di rete elettrica sul territorio provinciale di Siena sono stati ispezionati al 100%, anche mediante l’utilizzo di elicotteri specializzati, e che le operazioni di taglio piante nella fascia di propria competenza, per evitare interferenze con le linee elettriche, hanno interessato circa 2.000 km di territorio.

Un incontro proficuo, in cui è stato fatto il punto sulle attività di coordinamento in caso di emergenza, sull’attivazione dei contatti tra istituzioni e aziende di servizio, sulla segnalazione e gestione delle utenze sensibili, tutte iniziative utili a prevenire criticità e ad ottimizzare il pronto intervento in caso di maltempo. Nell’occasione è stato evidenziato l’ottimo lavoro, sia a livello di pianificazione che di coordinamento, messo in atto da tutte le componenti del sistema di protezione civile in caso di emergenze elettriche.

Estra
Electronic Flare
Centro Farc
Terre Cablate
Siena Bureau
Europa Due