Mps, De Mossi: “La politica ha creato questo problema, la politica lo risolva”

"Tutto quello che ha fatto il Monte in soccorso della politica oggi deve fare la politica in soccorso del Monte dei Paschi" dice il sindaco di Siena

La politica ha creato questo problema, la politica lo risolva, tenendo conto dei numeri così come del rispetto di una città e di una popolazione. Tutto quello che ha fatto il Monte in soccorso della politica oggi deve fare la politica in soccorso del Monte dei Paschi“. Così interviene il sindaco di Siena Luigi De Mossi in merito alla questione Banca Monte dei Paschi di Siena. Il primo cittadino ha sottolineato come sia responsabilità della politica risolvere la crisi di Mps, anche alla luce della cessata trattativa con Unicredit.

“Ho scritto a Draghi e a Franco, attendo una risposta ma capisco che hanno da fare anche con altri dossier di grande importanza – spiega De Mossi – L’obiettivo principale, che avevo anche proposto, era che la Fondazione e anche la Regione avessero una partecipazione nella controllante. Così facendo si riesce a valutare e capire il destino della controllata”.

“La trattativa è saltata perché l’unico soggetto ha ‘tirato un po’ troppo la corda’ – dice il sindaco di Siena in merito alla trattativa da Unicredit e Mef – Credo che ora si vada a una proroga, che deve permettere di avere una pluralità di possibili acquirenti, magari dando un advisor davvero indipendente che possa raccogliere una serie di iniziativa per scegliere quella meno esosa per il Governo”.